Italia (1919-1939)
CROCE COMMEMORATIVA DELLA DIVISIONE "FRECCE AZZURRE" DEL CORPO TRUPPE VOLONTARIE IN SPAGNA
Prezzo: venduto - cod. nr. 14527

Bellissimo esemplare originale della Croce Commemorativa della Divisione "Frecce Azzurre", facente parte del C.T.V. ( Corpo Truppe Volontarie ) durante la Guerra di Spagna.
I bracci della croce in bronzo sono smaltati al dritto in azzurro scuro, con al centro il fascio littorio in metallo argentato sovrastato dallo scudetto rosso con il simbolo della falange e il motto "AGREDIR PARA VENCER" ( Attaccare per Vincere ). Sul retro ancora il fascio e la falange ai vertici del braccio verticale e il nome "FRECCE AZZURRE" sul braccio orizzontale, il tutto in rilievo. La croce è completa del suo nastro originale, azzurro-rosso-giallo-azzurro, montato alla spagnola con la fibbia per appenderlo alla divisa.

Dopo la richiesta di aiuto di Franco a Mussolini, già nel settembre 1936 si era costituita in Spagna la M.M.I.S ( Missione Militare Italiana in Spagna ) con sede a Siviglia. La comandava il Generale di Brigata Mario Roatta ( alias comm. Colli, alias Generale Mancini ), allora capo del S.I.M. ( Servizio Informazioni Militari ) italiano. La M.M.I.S. aveva concordato con il Generale Franco, oltre agli invii di materiali, armi e istruttori, la costituzione di due Brigate Miste italo-spagnole.
Il 22 dicembre sbarcò a Cadice il primo contingente di 3.000 Camicie Nere con l'equipaggiamento, le armi individuali e di reparto e numerose artiglierie, trasportato dal piroscafo "Lombardia". Un secondo contingente arrivò, sempre a Cadice , sul "Sardegna", il 15 gennaio 1937.

Stabilita la formazione di due Brigate miste

( perche' composte per la massima parte da truppe spagnole inquadrate da graduati e specialisti italiani, sotto il comando italiano e perche' costituite non soltanto di fanteria ma anche di artiglieria e genio propri ) , si decise di dar loro un nome e un distintivo che fossero immediatamente popolari in Spagna e si scelse quello corrispondente al simbolo della Falange, ossia la Freccia. Il 15 gennaio 1937 a Siviglia, coi primi contingenti di volontari italiani giunti a Cadice, si costitui' la prima brigata mista italo-spagnola al comando del col. Guassardo denominata "Flechas Azules" ( Frecce Azzurre ): italiani erano la meta' degli ufficiali e il 20% della truppa, il resto spagnoli. Solo tre giorni dopo a Bajadoz si costitui' la seconda brigata mista, denominata "Flechas Negras" ( Frecce Nere ) al comando del col. Piazzoni. Qui il 70% degli ufficiali e il 20% della truppa era italiano. Il 17 febbraio la M.M.I.S. cambiò definizione in "C.T.V." ( Comando Truppe Volontarie ) mentre la massa operativa costituì il "Corpo Truppe Volontarie".

La Brigata "Frecce Azzurre" ricevette il battesimo del fuoco il 14 aprile 1937 segnando la sua prima vittoria con la conquista del Monte Grana, posizione chiave di tutto il settore occidentale del fronte di Cordoba. Rimane costantemente in linea fino alla fine di agosto. Le Frecce Nere entrarono in linea alla fine del marzo 1937 nel settore del Jarama nei pressi di Madrid ma furono poi trasferite sul fronte nord dove si resero utilissime nella campagna che porto' alla conquista nazionalista delle terre basche sul golfo di Biscaglia. A quella battaglia parteciparono oltre alle Frecce Nere, il Raggruppamento XXII Marzo, l'Aviazione Legionaria e parte dell'artiglieria del CTV ( Corpo Truppe Volontarie ). Bilbao fu presa il 19 giugno 1937 col contributo decisivo delle "Frecce nere". Successivamente le "Frecce" si spostarono a Santander, dove si erano asseragliate le unita' repubblicane fuggite da Bilbao. Il 1 agosto le due brigate miste "Frecce Nere" e "Frecce Azzurre" furono riunite nella divisione "Flechas" ( Frecce ) al comando del Generale Roatta.

L'attacco alla regione di Santander scatto' il 14 agosto e vi prese parte l'intero CTV con l'appoggio di tutta l'Aviazione Legionaria e alcune divisioni spagnole. Fu una battaglia condotta quasi esclusivamente dagli italiani, fortemente voluta da Mussolini e dal generale Bastico, comandante del CTV, per riscattare l'insuccesso di Guadalajara. La battaglia si concluse il 26 agosto, quando gli ultimi battaglioni repubblicani si arresero agli italiani. Dal settembre al dicembre 1937 la divsione si batte' nella zona di Saragozza. Nel marzo 1938 le Frecce si portarono sul fronte dell'Ebro e nell'aprile occupano Tortosa.

Il 19 giugno la Divisisone "Frecce" si sciolse e le due Brigate, piu' tardi trasformate in divisioni, ritornarono all'antica autonomia. Le "Frecce Azzurre" rimasero sul basso Ebro mantenendo per oltre tre mesi le linee conquistate. Rientrate in Italia le Divisioni legionarie "Littorio" e "XXIII Marzo", venne formata una terza divisione mista denominata "Frecce Verdi", comandata dal Generale Battisti, e costituita con elementi italiani tratti dalle altre due divisioni e battaglioni di fanteria spagnola.
Le tre divisioni "Frecce" furono poi protagoniste della battaglia di Catalogna, coronata con l'occupazione di Barcellona , e poi nelle azioni che portarono alla caduta di Madrid.

 
Cliccare sulle immagini per ingrandirle                             Click on the images to enlarge them
 
   

24-7-2009