Italia (1919-1945)
RARA MEDAGLIA COMMEMORATIVA DELLA REPUBBLICA PARTIGIANA DELLA VAL D'OSSOLA
Prezzo: Euro 150,00 - cod. nr. 14036
Manifesto della Giunta Provvisoria di Governo con l'annuncio della sua costituzione ed entrata in funzione

Rara medaglia, in metallo argentato, realizzata nel 1945 per commemorare la Repubblica Provvisoria dell'Ossola che restò in vigore dal 9 settembre al 23 ottobre 1944.
Sul fronte è raffigurato un partigiano di una brigata alpina, armato di mitra e circondato sul bordo dai nomi delle principali formazioni militari che liberarono quel territorio, seppur per un brevissimo periodo, dall'occupazione tedesca: "DIV.ne GARIBALDI - DIV.ne VALTOCE - DIV.ne VAL D'OSSOLA". Sul retro un cippo stradale in primo piano, sul quale sono incise le date "9-9-1944" e "23-10-1944", con sullo sfondo il paesaggio della Val d'Ossola. Sul bordo corre la legenda "REPUBBLICA PROVVISORIA DELL'OSSOLA - 1944". La medaglia misura 38 mm di diametro ed è in eccezionali condizioni di conservazione.

"Repubblica dell'Ossola" venne chiamato, con definizione successiva, l'esperimento di autogoverno che ebbe luogo, nel settembre/ottobre del 1944, sul territorio delle vallate ossolane e della Cannobina liberate dalle forze partigiane che vi operavano.
Tale rilevante episodio si inserisce nelle più complesse vicende della Resistenza in Ossola, una lotta di liberazione iniziata subito dopo l'armistizio dell' 8 settembre 1943, con la formazione delle prime bande partigiane composte da vecchi antifascisti e militari sbandati, che iniziarono a contrastare le unità tedesche di occupazione a cui, dopo la costituzione della Repubblica Sociale Italiana si aggiunsero quelle fasciste. Dopo il mese di maggio del 1944, salirono in montagna numerosi giovani che non avevano risposto ai bandi della neonata Repubblica Sociale Italiana, rafforzando numericamente le forze di liberazione, che facevano capo al C.L.N.A.I.
( Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia ). Contro le formazioni partigiane, sempre più attive in una zona strategica come quella dell'Ossola, prossima al confine svizzero ed attraversata anche dalla ferrovia internazionale del Sempione, vennero lanciati attacchi e rastrellamenti, anche imponenti, come quello che dal 10 giugno 1944 e sino a fine mese interessò la Val Grande - oggi Parco nazionale - con obiettivo principale l'eliminazione della Divisione "Valdossola". Il rastrellamento culminò nell'uccisione di molti partigiani e di alpigiani che collaboravano con la Resistenza, nella cattura di centinaia di prigionieri ed in diversi eccidi, fra cui quello di Fondotoce in cui furono passati per le armi 43 prigionieri, uno solo dei quali sopravvissuto.
N
ell’agosto del 1944, i partigiani della divisione Valdossola comandata dal maggiore Dionigi Superti, della divisione alpina Beltrami agli ordini del capitano Bruno Rutto, della divisione Piave di Filippo Frassati e Armando Calzavara, e infine della divisione Valtoce del tenente Alfredo di Dio, intimano la resa a tutti i presìdi tedeschi e fascisti stipati lungo la riva occidentale del Lago Maggiore. I tedeschi si arrendono subito, i fascisti invece combatteranno alcune ore prima di cedere le armi. Uno alla volta, i piccoli presìdi fascisti cadono. L’8 settembre 1944 l’intera Valdossola viene liberata, tranne Domodossola. A questo punto era necessario prendere una decisione: attaccare Domodossola difesa da ingenti forze nazifasciste o accontentarsi del bottino accumulato? La componente monarchica del gruppo era per l’attacco, quella comunista invece era più esitante. Su tutti s’impose la volontà di un combattivo sacerdote, don Luigi Zoppetti, che sottolineò la necessità di dare vita ad una libera repubblica e da lì poi iniziare la liberazione di tutto il territorio nazionale. Il 9 settembre 1944 l’arciprete di Domodossola, don Luigi Pellanda, promosse un incontro al quale parteciparono i comandanti tedeschi e fascisti e i capi partigiani Dionigi Superti e Alfredo di Dio, per evitare inutili spargimenti di sangue. Sia i tedeschi che i fascisti decidono di lasciare Domodossola ai partigiani, a patto di poter evacuare con armi e familiari. I partigiani accettano a condizione che siano da loro abbandonate tutte le armi non fabbricate in Germania.
Dionigi Superti, comandante della "Valdossola", che insieme con la "Valtoce" e la "Piave", avevano costretto alla resa il presidio, ordinò anche a nome delle altre formazioni la costituzione di una giunta di governo per l'amministrazione del territorio liberato, designandone pure i membri, stante l'assenza di un CLN locale, disperso a causa delle precedenti persecuzioni. La zona libera si estendeva per circa 1.600 km quadrati, con una popolazione intorno ai 75.000 abitanti.
La Giunta Provvisoria di Governo aveva sede in Domodossola presso il Palazzo di Città, mentre nei vari Comuni vennero ricostituite le amministrazioni locali; si riorganizzarono i sindacati e vennero dati alle stampe diversi giornali, favorendo il dialogo e la discussione democratici. L'attività della Giunta, formata da elementi di partiti anche assai diversi tra loro, andò ben oltre la semplice ordinaria amministrazione di una zona libera, destando l'attenzione di stampa ed opinione pubblica internazionale ed ancor oggi è ricordata per lo spirito democratico e profondamente legalitario che la caratterizzò.
L'attività della Giunta Provvisoria di Governo si protrasse per sei settimane, dal 10 settembre al 23 ottobre 1944, quando l'Ossola venne rioccupata dalle forze nazi-fasciste impegnate nell'operazione "Avanti" e le forze partigiane, numericamente inferiori per uomini ed armamenti e non avendo ricevuto gli attesi rifornimenti a suo tempo promessi dagli alleati, dovettero ripiegare in altre vallate o sconfinare in Svizzera, spesso inseguiti fino all'ultimo dagli attaccanti e con scontri, come quello dei Bagni di Craveggia, che costituirono violazione della neutralità elvetica. Nell'inverno 1944-45 solo alcune formazioni, quali le "Garibaldi" e la "Valtoce", continuarono ad operare in zona, preparando l'insurrezione di primavera con costanti attacchi di logoramento contro le forze di occupazione. La definitiva liberazione dell'Ossola, nel corso della quale venne anche salvato da sicura distruzione il tunnel del Sempione, distruggendo l'esplosivo già portato a Varzo, ebbe luogo il 24 aprile del 1945, ad opera delle unità partigiane rimaste in zona dopo la rioccupazione dell'autunno precedente o rientrate dalla Svizzera ed il contestuale ritiro verso sud dei reparti tedeschi e della RSI, che per raggiungere Novara, dove si arresero, si congiunsero con la colonna Stamm partita dal Lago Maggiore.
La definizione "Repubblica dell'Ossola", ormai entrata nell'uso comune ed ampiamente utilizzata in documenti commemorativi ufficiali o in pubblicazioni storiche, in realtà fu una definizione successiva agli eventi. Nei documenti ufficiali di allora, quali i Verbali delle sedute della Giunta e poi ancora la Relazione ufficiale redatta dopo la rioccupazione della Valle, venne utilizzata esclusivamente la dizione "Giunta provvisoria di governo dell 'Ossola" o anche "della zona liberata".

( Notizie storiche ricavate dai siti del Comune di Domodossola e del Centro Studi della Resistenza. Immagini tratte dal sito dell'Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" )
 

Cliccare sulle immagini piccole per ingrandirle                  ( Click on the small images to enlarge them )
Don Luigi Zoppetti, uno dei promotori della "Repubblica dell'Ossola" Il professore Ettore Tibaldi, presidente della giunta provvisoria di governo della Repubblica dell'Ossola
Il maggiore Dionigi Superti comandante della divisione Valdossola Bruno Rutto, comandante della divisione alpina Filippo Maria Beltrami
Partigiani ossolani seguono i movimenti delle truppe tedesche ai confini della repubblica dell'Ossola
Passaggio dei profughi ossolani al passo San Giacomo, seconda metà di ottobre 1944, dopo la fine
della "Repubblica dell'Ossola

 

   
   

 6-10-2008