Italia R.S.I.
MEDAGLIA COMMEMORATIVA ITALO-TEDESCA IN AFRICA ARGENTATA 1944-1945
Prezzo: venduto - cod. nr. 11794
L'Arco dei Fileni, costruito durante il governatorato di Italo Balbo in Libia, al confine tra la Cirenaica e la Tripolitania
Rarissima medaglia commemorativa della "Campagna Italo-tedesca in Africa", conosciuta come tipo "A" ma realizzata quasi sicuramente negli anni 1944 o 1945 in zama per i reduci dall'Africa della Repubblica Sociale Italiana . Questa medaglia costituisce un caso particolare nella medaglistica italiana del periodo. Inizialmente fu autorizzato l'uso sull'uniforme del solo nastrino verde-bianco-rosso-bianco-nero che circolava gia' nel 1942 tra gli italiani grazie ai provvedimenti in merito presi dagli alleati tedeschi. Tale ufficializzazione si fa risalire al telegramma del 7 gennaio 1943, inviato da Comando Supremo a SuperLibia, e firmato dal Generale Magli. Seguirono poi i documenti ufficiali dei vari Stati Maggiori che stabilirono le norme per la concessione. Non risulta pero' nulla di ufficiale per la medaglia originaria di tipo "A" che pero' venne realizzata da Lorioli su disegno di De Marchis e di fatto consegnata agli aventi diritto italiani e tedeschi.
Il tipo "B", senza fascio e svastica, fu invece realizzata dopo la fine della guerra. Questo esemplare sembra appartenere al tipo "B" ( il marchio Lorioli e' posto a destra invece che a sinistra ) ma presenta ancora la svastica e il fascio. Si tratta quasi sicuramente di una medaglia fabbricata da Lorioli con il nuovo disegno sul rovescio ma ancora con il vecchio sul dritto essendo destinata alle forze della RSI o a qualche militare tedesco. E' molto probabile che, per le sue caratteristiche costruttive, la medaglia sia stata prodotta alla fine del 1944 o inizio 1945. La medaglia misura 31mm di diametro ed e' in condizioni perfette. Sul dritto vi sono raffigurati un soldato tedesco ed uno italiano che tengono chiuse le fauci di un coccodrillo. Quest'ultimo rappresenta l'Impero britannico e le fauci chiuse il Canale di Suez. Sul bordo destro il marchio "Lorioli-Milano" e in basso il nome dell'autore "De Marchis". Sul rovescio e' raffigurato l'Arco dei Fileni, edificato sulla via Balbia quando Italo balbo era Governatore della Libia. A sinistra dell'arco un fascio stilizzato e a destra una svastica con sotto il nodo sabaudo. Tutto intorno sul bordo corre la scritta "Campagna Italo-Tedesca in Africa" e "Italienisch-Deutscher Feldzug in Afrika".
L'Arco dei Fileni fu costruito nel golfo della Sirte, al confine tra la Cirenaica e la Tripolitania, ed includeva due enormi statue raffiguranti i fratelli Fileni, leggendari eroi cartaginesi che combatterono al fianco dei greci di Cirene per definire i confini tra le due civilta'. L'arco fu demolito nel 1973 dal governo libico e le due statue giacciono oggi ai bordi della strada.