Italia (1919-1939)
RARA MEDAGLIA ORIGINALE "PRO DALMATICA FIDE" IN METALLO ARGENTATO E SMALTI MARCATA "ENEA"
Prezzo: venduto - cod. nr. 19326
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
Trał: Il Leone della Loggia pubblica, opera di N.Fiorentino e A.Alessi (1471) fatto a pezzi sotto il Regno di Jugoslavia, nel 1932, in un francobollo commemorativo
Bellissima e rara medaglia in metallo argentato e smalti, realizzata dalla ditta ENEA di Milano nel 1933 per commemorare la distruzione dei "Leoni di Traù" e disegnata da Castelli & Gerosa. Misura 28 mm x 38 mm di altezza. La medaglia è in eccezionali condizioni di conservazione.
Sul fronte presenta lo stemma della Dalmazia con le tre teste di leopardo coronate, in campo azzurro, circondato dalle parole "PRO DALMATICA FIDE", che si rifà al motto dei volontari dalmati durante la prima guerra mondiale che era "Pro italica fide", e sormontato dal leone di San Marco.  Il tutto circondato da una cornice di piccoli rettangoli.
Sul retro il motto declamato da Mussolini alla fine del suo discorso del 14 dicembre 1932 al Senato del Regno, dopo le azioni anti-italiane compiute da elementi slavi a Traù e Veglia:
" I leoni di Traù sono stati distrutti, ma ecco che distrutti, sono, come non mai, diventati simbolo, vivo e testimonianza certa. Solo uomini arretrati e incolti possono illudersi che demolendo le pietre, si cancelli la Storia. Mussolini".


Parecchi leoni di San Marco ornavano la città di Traù, a memoria dell'antica dominazione veneziana. Negli strascichi della pluridecennale lotta che opponeva i croati alla popolazione cittadina di lingua italiana, nei primi giorni di dicembre del 1932 otto leoni vennero distrutti, anche con l'ausilio della dinamite. Fra questi un celebre leone andante, bassorilievo di Nicolò Fiorentino e Andrea Alessi del 1471, che campeggiava all'interno della Loggia Pubblica. Ora molti leoni mutilati sono esposti al museo cittadino o giacciono nell'ex convento di S. Domenico.
Il senatore Corrado Ricci , direttore generale delle antichità e delle belle arti, pronunciò un discorso misurato e severo a proposito dei fatti di Traù al quale rispose Mussolini con il suo del 14 dicembre 1932. La medaglia è riprodotta a pagina 273 del volume "25 Anni di Storia - Medaglie e Decorazioni Mussoliniane" di Gianfranco Casolari.
 
   
 

 25-2-2014