Germania (1919-1945)
SPLENDIDA E RARA MEDAGLIA DELLA "DIVISION AZUL" SPAGNOLA CHE COMBATTE' IN RUSSIA A FIANCO DEI TEDESCHI NEL 1942 ORIGINALE DEL PERIODO BELLICO
Prezzo: venduto - cod. nr. 18967
L'unica foto a colori conosciuta della "Division Azul"
Il Generale Augustin Munoz Grandes
Rara e splendidamente conservata medaglia riservata ai reduci della famosa "Division Azul" ( Blau Division ) spagnola che combatte' al fianco dei tedeschi in Russia, coniata durante il periodo bellico.
La medaglia per i Volontari Spagnoli in Russia fu istituita dal governo spagnolo nel 1942. Sul fronte è riprodotta l'aquila coronata di San Giovanni Evangelista con al centro una Croce di Ferro e sul retro le cupole del Cremlino con la scritta "Rusia 1941". Il nastro, bianco con dal lato sinistro i colori di Spagna, giallo e rosso e sul lato destro quelli di Germania, ha cambiato il colore ingiallendosi per il tempo trascorso ( le ultime medaglie furono assegnate nel 1957 ai reduci ) E' dotato della particolare barretta dorata di aggancio, tipica delle medaglie militari spagnole. La medaglia e' coniata in modo perfetto con una definizione eccezionale dei particolari per una medaglia di produzione spagnola.

Conscio del debito che aveva verso la Germania, Franco pianificò la creazione di una divisione di volontari che andassero a combattere il comunismo nella sua propria patria. Il comando della Divisione fu affidato al Generale Augustin Munoz Grandes che all'epoca aveva 45 anni ed un passato di combattente durante la Guerra Civile. Il 25 luglio 1941 la Division Azul fu ufficialmente designata come 250.ma Divisione di Fanteria della Wermacht con un organico di 641 ufficiali, 2272 sottufficiali e 15.780 soldati. Il 31 la Divisione sfilò in parata davanti ad Hitler per prestare il giuramento che fu però modificato specificando che l'obbedienza al Fuhrer era dovuta solo "nella battaglia contro il Comunismo".
La Divisione fu inviata sul fronte russo del nord dove il Maresciallo von Leeb stava accingendosi ad accerchiare Leningrado. Ebbe il suo battesimo del sangue a Possad dove perse ben 140 uomini. Dopo esser stata impiegata in numerosi combattimenti, nel settembre del 1943 la Divisione prese posizione nei dintorni di Leningrado che resisteva all'accerchiamento tedesco dal 1941 quando Hitler aveva decretato che tutti i suoi 3.000.000 di abitanti dovevano essere sottomessi. Verso la fine del mese il colonnello Esteban, che aveva sostituito Munoz Grandes al comando dela Divisione vene informato che i suoi uomini sarebbero stati rimpatriati per essere rimpiazzati dalla Legione Volontari Spagnoli o “Blau Legion”. Nota come Legion Espanola de Voluntarios (L.E.V.), era comandata dal colonnello Navaho e fu assegnata alla 121.ma divisione dell'esercito tedesco. Nel marzo del 1944 ,tuttavia, il governo spagnolo ordino' il ritorno in patria anche di questa forza simbolica. In circa due anni di guerra la Divisione Azul soffrì 12.726 perdite tra cui 3.934 caduti, 8466 feriti e 326 dispersi. Questo e' uno dei motivi per i quali di questa medaglia furono distribuite solo pochi esemplari rispetto alle altre importanti decorazioni di merito dell'epoca e pochissimi furono quelli di fabbricazione tedesca consegnati a volontari spagnoli o militari tedeschi che avevano combattuto a fianco della Division Azul.  
 
 

   

8-11-2013