Germania (1919-1945)
RARO "SARDINIENSCHILD" DISTINTIVO DIVISIONALE DELLA "90.PANZERGRENADIER-DIVISION"
Prezzo: venduto - cod. nr. 13875

Distintivo originale divisionale della 90. Panzergrenadier-Division che, dalla sua formazione in Sardegna nel 1943, ha combattuto interrottamente in Italia, partecipando alla battaglia di Cassino, fino alla fine della guerra.
Il distintivo, del tipo in lamierino stampato misura circa 30 mm di altezza e raffigura la Sardegna stilizzata, con i sui monti e le città di Cagliari ed Olbia ( dove la divisione si è formata e da dove ha lasciato l'isola ). L'isola è attraversata da una lunga spada con l'impugnatura ad oriente e la punta ad occidente. Sul retro è presente un robusto spillo di sicurezza posto diagonalmente in corrispondenza della spada.

La 90.Panzergrenadier-Division nasce come 90. leichte Afrika-Division e combatte con l’Afrika-Korps fino al suo crollo in Tunisia. Viene ricostituita nella primavera 1943 in Sardegna (Division Sardinien), dove rimane fino al settembre 1943. Trasferita in Corsica, le sue truppe si scontrano con le forze francesi e i partigiani dell’isola. Giunge in Toscana a fine settembre e viene temporaneamente collocata presso Pisa, poi sulla riviera adriatica, presso Gatteo al Mare.
A metà novembre 1943 la divisione è inviata nell’area di Orsogna e combatte sul Magoro e presso Ortona. Poco dopo la divisione è trasferita in Lazio, nei pressi di Roma. Nel gennaio 1944 le sue truppe combattono sulla Linea Gustav, tra la costa e Castelforte, sull’Ausente, sul Monte Natale, presso Santa Maria Infante a nord di Minturno, nell’area di Capo d’Acqua e presso Formia.
Dal 1 febbraio combatte a Cassino, sul Monte Maiola e sul Monte Castellone. Terminata la battaglia di Cassino, la divisione viene ritirata nei primi giorni di marzo e trasferita nell’area Roma-Ostia come riserva del gruppo di armate. Dopo la prima metà di maggio essa viene nuovamente avviata al fronte e combatte nella valle del Liri, nell’area di Pignataro-Pontecorvo, dove prende parte alla III battaglia di Cassino.

La 90. Panzergrenadier-Division si ritira sul Melfa, tra il corso del Liri e la Via Casilina, poi tocca Frosinone, Ferentino, Fiuggi, Piglio, Genazzano, raggiunge Rieti ed entra in Umbria.
Trasferita nel Grossetano, nell’area di Sorano la divisione combatte a est del Monte Amiata, presso Volterra, Laiatico, Villamagna, Certaldo e Castelfiorentino e raggiunge le posizioni sull’Arno presso Castelfranco di Sotto e Fucecchio.
La divisione che ha subito pesanti perdite viene trasferita alla fine di luglio oltre l’Appennino presso Modena e Parma, per poi essere spostata alle spalle di Genova.
Il 19 agosto inizia ad operare in Piemonte. Le sue truppe conquistano i passi di confine tra Italia e Francia e agevolano il rientro delle unità tedesche in ripiegamento dalla Francia meridionale.
Da fine settembre alla Liberazione la divisione continua a combattere in Italia, in Romagna ed in Emilia, ritirandosi verso il Lago di Garda, dove si arrende agli inglesi il 28 aprile 1945. ( Notizie storiche tratte da "Itinerari di Guerra" di Carlo Gentile )

 

I quattro comandanti della 90.Panzergrenadier-Division
 

Generalmajor Carl-Hans Lungershausen

1° comandante dal 23.5.1943 al 20.12.1943

Combattente dell'Afrikakorps, decorato con la Deutsches Kreuz in Gold il 19.1.1942 come colonnello comandante del Schuetzen-Regiment 7.
Promosso Generalleutnant l' 1.9.1943. Dall'1.7.1944 all'1.3.1945 Ispettore delle unità italiane dell'Oberbefehlshaber Suedwest.

( Nato a Darmstadt/Hessen il 20.7.1986 - Morto a Darmstadt il 27.12.2975 )

Generalleutnant Ernst-Guenther Baade

2° comandante dal 20.12.1943 al 9.12.1944

Ha combattuto in Russia e con l'Afrikakorps. Ferito ad El Alamein, decorato con la Ritterkreuz il 27.06.1942 come comandante del Schuetzen-Regiment 115, con le Foglie di Quercia il 22.2.1944 e le Spade il 16.11.1944 come comandante della 90.Panzergrenadier-Division.

Promosso Generalmajor il 20.3.1944 e Generalleutnant il 1.8.1944. Ha guidato la ritirata delle truppe tedesche dalla Sicilia e combattuto a Cassino.

( Nato a Falkenhagen/Branderburg è morto il l'8.5.1945 nell'ospedale di Bad Segeberg/Holstein per le conseguenze delle ferite riportate in un attacco a bassa quota inglese con bombe al fosforo )

Generalleutnant Gerhard Graf von Schwerin

3° comandante dal 9.12 al 26.12.1944

Combattente dell'Afrikakorps, nell'aprile 1941 ha catturato 2 generali e 2000 soldati inglesi nell'oasi di Mechili al comando del suo "Kampfgruppe Schwerin". Ha combattuto in Russia dove ha ricevuto la Ritterkreuz il 17.1.1942 e le Foglie di Quercia il 17.5.1943. Alla testa della sua 116.Panzerdivision è stato decorato con le Spade il 4.11.1943. Coinvolto nella Resistenza militare contro Hitler, si salvò per il coraggio dimostrato in Normandia sfuggendo alla "Trappola di Falaise". Incaricato della difesa di Aachen alla fine del 1944, cercò di trattare la resa della città con il comandante americano della 9th Army, contro l'ordine di Hitler. Salvato dalla Corte Marziale per l'intervento dei Generalfeldmarschall von Rundstedt e Model, assunse il comando della 90.Panzergrenadier-Division e il 1.1.1945 assunse il comando del LXXVI. Panzerkorps in Italia. Il 26.4.1945, dopo aver attraversato il Po a Sermide, si arrese agli inglesi a Bassano. Venne rilasciato nel 1947.
( Nato il 23.6.1899 ad Hannover - Morto il 29.10.1980 a Rottach-Egern )

Generalmajor Heinrich Baron von Behr

4° e ultimo comandante dal 27.12.1944 al 28.4.1945

Combattente dell'Afrikakorps venne evacuato nel novembre 1942 e il 1.7.1943 assunse il comando del Panzergrenadier-Regiment 200 della 90.Panzergrenadier-Division. Il 27.1.1944 a Montecassino respinse un attacco di soverchianti forze francesi, l' 1.2.1944 venne promosso colonnello e il 23 ricevette la Ritterkreuz. Nel settembre del 1944 era responsabile della difesa di Bologna e guidò la battaglia di Savignano e il 9.1.1945 fu decorato con le Foglie di Quercia. Il 27.12.1944 assunse il comando della 90.Panzergrenadier-Division e il 28.4.1945 si arrese agli inglesi nei pressi del Lago di Garda.

Venne rilasciato nel 1947. Nel settembre 1956 entrò neri ranghi dell'esercito federale tedesco dove rimase fino alla pensione nel 1962. ( Nato il 26.6.1902 a Roennen / Kurland - Morto il 14.8.1980 a Bonn )

 
   

 17-3-2011