Italia ( 1872-1913 )
RARO DISTINTIVO COMMEMORATIVO DEL 63° REGGIMENTO FANTERIA "CAGLIARI" IN LIBIA 1912-1914
Prezzo: Euro 180,00 - cod. nr. 20662
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
Piccolo ma affascinante distintivo commemorativo delle battaglie sostenute nella Guerra di Libia dal 63° Reggimento di fanteria "Cagliari", formatosi il 29 giugno 1862 sulle Lande di San Maurizio ( Torino ) con il motto "Procedere non recedere". Il 1° agosto successivo il 63° reggimento viene unito al 64° nella Brigata "Cagliari" anch'essa di nuova costituzione.
E' stato coniato in metallo argentato e misura 20 mm di diametro. Sul fronte portale date "12-3-1912" e "12-3-1914" che si riferiscono alla partecipazione del reggimento alla Guerra di Libia.

L'11 ottobre 1911 il reggimento si imbarca a Salerno, dove aveva sede la Brigata, per essere trasferito in Libia ed entrare a Bengasi il 20 ottobre. Il 12 marzo 1912 partecipa alla famosa Battaglia delle Due Palme, dove il II° battaglione guadagna la medaglia d'argento al Valor Militare con la seguente motivazione: "Per la valorosa condotta tenuta dal II° battaglione nel combattimento delle Due Palme del 12 marzo 1912" (Libia, battaglia delle Due Palme, 12 marzo 1912). La seconda data si riferisce alla battaglia di Zeutina alla quale, oltre alle nostre truppe indigene, partecipò sicuramente almeno un battaglione del reggimento.
Ritornato nella sua sede di Salerno, viene mobilitato nel 1915 in preparazione dell'entrata in guerra dell'Italia. Ultimate le operazionei di mobilitazione la Brigata "Cagliari" parte da Salerno e giunge il 3 giugno 1915 nei pressi di Codroipo; il 24 giugno passa alle dipendenze della 20° divisione e sostituisce la brigata Savona nell'occupazione della testa di ponte di Pieris. Rimane impiegato al fronte per tutta la durata del conflitto tanto che la mattina del 30 settembre 1918 lo vede ancora in azione sulle posizioni di Sop dove combatte fino alle ore 12 quando viene proclamata la cessazione delle ostilità.
 

 6-5-2015