Germania (1919-1945)
ORDINE DELL'AQUILA TEDESCA CON SPADE DI 3.CLASSE
( VERDIENSTORDEN VOM DEUTSCHEN ADLER MIT SCHWERTERN 3.STUFE ) MODELLO 1939 PUNZONATA "900" E "21"

Prezzo: Euro 1800,00 - cod. nr. 18828
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
I punzoni "900" e "21" sull'anello ad indicare il fabbricante Gebr. Godet & Co. di Berlino

Un ufficiale della Marina rumena mentre viene decorato con l'Ordine dell'Aquila Tedesca

( Foto tratta dal volume "German WW2 Medals & Political Awards - The Satellite States" di Christopher Ailsby )

Straordinario esemplare del prestigioso Ordine Meritorio dell'Aquila Tedesca con Spade di 3.Classe (Verdienstorden vom Deutschen Adler mit Schwertern 3.Stufe) del raro secondo tipo realizzato e distribuito a partire dal  1939 e fino al 1943. Questo esmplare è stato prodotto dal fabbricante Gebr. Godet & Co. di Berlino, forse il piu' prestigioso dell'epoca ed oggi uno dei più ricercati dai collezionisti. La decorazione ha la forma di una "croce maltese" smaltata di bianco con un'aquila germanica dorata in ogni angolo. Per i decorati militari venivano aggiunte, a partire dal 1939, due spade incrociate. La 1.Stufe del periodo 1937/39 e la 3.Klasse del 1939/43 venivano sospese ad un nastro di 46 mm di altezza con i colori nero, rosso e bianco del Terzo Reich.
La croce è accompagnata da un Certficato di Originalità rilasciato dal Dr. Antonio Scapini, un giovane studioso e ricercatore che ha saputo raccogliere intorno a sè un nucleo di esperti italiani, europei e americani che, di volta in volta, mettono a disposizione la loro specifica conoscenza dell'oggetto sotto esame. E' inoltre autore di diversi libri sulla militaria tedesca e moderatore del famoso forum americano Wehrmacht Awards Forum.

La caratteristica fondamentale di questo secondo modello del 1939 è che l'anello di sospensione non è più montato con un cappio affisso direttamente nella sezione a "V" del braccio superiore ma il sistema di sospensione è stato  modificato per fissarlo ad un dispositivo a ventaglio, che sporge dalla "V". Si suppone che questa modifica si sia resa necessaria in quanto il metodo base di fissaggio non era troppo sicuro.
L'esame attento di questa decorazione del secondo periodo ci evidenzia la sua differenza rispetto a quelle del primo periodo. C'è ad esempio una notevole differenza nella forma dell'occhio dell'aquila, che nel primo periodo era rotondo, e che in questo esemplare è un punto incassato in un orbita a forma di "V". L'altra grossa differenza tra i due stili è il punto in cui l'ala tocca il corpo dell'aquila, all'altezza delle zampe. Nel primo modello c'è un vuoto, come se l'ultima parte dell'ala fosse stata tagliata via a metà nella direzione della lunghezza; nelle versioni successive, come questa, questo vuoto non c'è e muta così anche il profilo delle ali, in quanto le aquile venivano stampate a freddo incavate e unite in seguito a due a due, per essere fissate tra i bracci della croce.

Queste decorazioni venivano realizzate da gioiellieri di grande prestigio, come Godet, e marcate con il titolo dell'argento ( 800, 900, 900 21 ) sul margine inferiore della croce, oppure sull'anello come in questo caso dove sono visibili i punzoni "900" e "21", il che ci indica che si tratta di una decorazione realizzata dopo il 1939 quando la serie venne riorganizzata trasformando la 1.Stufe del 1937 nella 3.Stufe del 1939.
La croce a sei punte del diametro di 50 mm in argento dorato, ha i bracci finemente smaltati di bianco in perfette condizioni sia sul dritto che sul rovescio.
Completa la croce un pezzo di nastro da collo originale in seta marezzata color rosso brillante, con bordi bianchi-neri-bianchi. I bordi del nastro sono ripiegati e portano ancora tracce di colla ad indicare che probabilmente la decorazione era stata collocata su di un pannello espsositivo o in una cornice.  

Questa decorazione aveva carattare prevalentemente internazionale e fu introdotta ufficialmente, in sei gradi diversi, il 30 maggio 1937 per essere donata a dignitari e capi di stato stranieri e consentire alla Germania di avere una decorazione che riflettesse l'importanza del nuovo stato sullo stesso piano della Gran Bretagna. La serie fu riorganizzata due volte nel 1939 e nel 1943. Era quindi un ordine "diplomatico" assegnato sulla base dell'importanza dei diplomatici o militari stranieri che avevano reso un servizio riconosciuto alla Germania. Ad esempio in campo militare, la croce da petto con spade di 2° grado veniva normalmente assegnata militari con il grado di Tenente Colonnello o Maggiore. A onor del vero va detto che questa alta onorificenza fu conferita ed estesa anche a qualche "comune mortale"....sempre però che si fosse distinto, in circostanze uniche e straordinarie, per aver procurato grande beneficio in termini salvifici a prò della Nazione Tedesca. Su "Storia del Novecento" è riportata la storia della concessione effettuata ad un umile pescatore italiano che, stremandosi a forza di remi col suo piccolo "gozzetto", riuscì a mettere in salvo, in varie riprese, nel Golfo del Tigullio, l'intero equipaggio, tra "sani" e invalidati, di un bombardiere tedesco, costretto ad un ammaraggio di fortuna.....e destinato ad un rapido inabissamento.

 
Per questo oggetto è possibile utilizzare il pagamento rateale. Per vedere le condizioni cliccare qui.
 
 
 
   

 14-10-2013