Italia (1919-1939)
BELLISSIMO ANELLO IN ARGENTO E ORO " LEONE DI GIUDA" CON PUNZONE "MI 14" ( LOCATELLI )
Prezzo: venduto - cod. nr. 14899
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Cliccare sulle immagini piccole per ingrandirle

Click on the small images to enlarge them

Veramente bello e raro anello coloniale ( probabilmente ordinato da un militare o funzionario dislocato in A.O.I. ), realizzato in argento con disegni a rilievo in oro di stile coloniale L'anello è marcato all'interno con il marchio, reso obbligatorio dal 1934 con la legge n. 305 per l'identificazione dell'argentiere, e costituito da una losanga con all'interno il numero "14", al centro un fascio littorio e a destra la sigla "MI" che indica la provincia di appartenenza. In questo caso si tratta di un argentiere della provincia di Milano, più precisamente Locatelli di Milano. La losanga è accompagnata da un punzone ovale contenete il titolo dell'argento espresso in millesimi: "800".
L'anello è di misura medio-grande
( 20/21 mm di diametro interno ), adatto quindi alla mano di un uomo, e raffigura il "Leone di Giuda" , che nell'araldica militare italiana è il simbolo concesso alle unità che hanno combattuto nella campagna d'Africa Orientale.
Per i Rastafariani il Leone di Giuda è il simbolo della genia della terra d'Etiopia, da essi considerata la nazione più antica e immutata del mondo. Il leone è il simbolo della tribù di Giuda descritta nell'Antico Testamento, dalla quale discendeva Gesù Cristo.
Sui lati dell'anello sono riportate a rilievo alcune lettere in alfabeto aramaico anch'esse placcate in oro come il leone.
E' probabile che l'argentiere Locatelli abbia realizzato un numero limitato di questi anelli per ufficiali o funzionari che avevano partecipato alla campagna di Etiopia e che indossandolo potevano evidenziare tale partecipazione personale.
Questo anello è stato ritrovato alcuni anni orsono in Germania, durante un'operazione di scavo a Grafenwoehr là dove si trovava il campo di addestramento della divisione San Marco della R.S.I. E' quindi molto probabile che sia stato smarrito da qualche ufficiale che in precedenza aveva fatto parte di una delle Legioni di Camicie Nere impiegate in Africa Orientale.
 

 
 

 3-6-2010