Italia (1919-1939)
I valori stimati, laddove pubblicati, sono quelli risultanti da un'indagine conoscitiva svolta sui prezzi medi spuntati nelle transazioni effettuate sui mercati internazionali negli ultimi sei mesi da oggetti analoghi e non hanno alcun valore commerciale.
Maggiori informazioni sulla reperibilità e disponibilità dei singoli oggetti, nel rispetto delle vigenti leggi in materia, verranno fornite su richiesta.
RARO "BILLAO DELLA PAI" ( PUGNALE DELLE TRUPPE INDIGENE DELLA POLIZIA DELL'AFRICA ITALIANA ) ORIGINALE COMPLETO DI FODERO D'EPOCA
Valore stimato: venduto - cod. nr. 22621
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Cliccare sulle immagini piccole per ingrandirle

Click on the small images to enlarge them

Una rarissima foto ( tratta dal numero 103 della rivista "UNiformi & Armi" ) nella quale si vedono le truppe indigene della PAI con al fianco il "billao" regolamentare, a conferma che il pugnale venne inviato oltremare.

Pugnale di foggia indigena, derivato dal "billao" somalo, realizzato in Italia e destinato agli indigeni della "bande" P.A.I. della Somalia.
In un momento che non è possibile precisare, ma che dovrebbe essere non di molto posteriore alla pubblicazione del Regolamento sull'Uniforme seguito dal 1938 al Regolamento Organico del Corpo di Polizia Coloniale, comparve un coltello di foggia vagamente africana con lama che ricordava nel disegno quella del billao somalo. Secondo diversi autori, tra cui Cesare Calamandrei, pochissimi furono questi pugnali arrivati veramente oltremare. Questa supposizione nasce dal fatto che la maggior parte degli esemplari originali noti, sono quasi tutti allo stato di nuovo e molti addirittura non sono mai stati affilati. Non è invece il caso di questo billao che è stato affilato lungo tutto il perimetro della lama, trasformandolo così in un vero pugnale da combattimento.

L'impugnatura ha le guancette in corno di bufalo, sagomate anteriormente con quattro punti di presa per le dita, chiuse in alto da una calotta solidale con il codolo al quale le guancette sono fissate con due rivetti. Al centro della guancetta esterna è incassato un ovale, coniato in ottone, recante lo stemma della P.A.I. : un'aquila recante tra gli artigli un nodo Savoia. La crocera è un semplice ovale allungato in lamiera di ferro tranciata e cromata.  
La lama, a foglia con due fili, si allarga verso la punta.
Il fodero è in cuoio naturale indurito (a somiglianza di quello indigeno in cuoio non conciato) cucito a spirale con una sottile stringa in materiale plastico non ben identificato.
Due rivetti piatti (tipici degli originali) disposti in maniera asimmetrica bloccano le due estremità della legatura lasciando anteriormente non cucito l'ultimo segmento del bordo in modo da consentire una più facile estrazione della lama. Il passante posteriore è fissato al fodero con due coppie di rivetti, ciascuna rinforzata da una  robusta cucitura. Una molla a lamina interna limita il movimento della lama nel fodero che comunque ha una cinghetta con bottone a pulsante verniciato color marrone, anch'essa fissata con due rivetti, che All'interno blocca il coltello nel fodero. In questo esemplare il pulsante e il suo alloggiamento si sono fissati insieme nel tempo.   Una molla a lamina interna limita il movimento della lama nel fodero che comunque ha un passante chiudibile con bottone a pressione che blocca il manico. All'interno del fodero è presente una lastrina19285 d'acciaio, lunga circa 5 cm. e larga circa 2.3 cm che ha il compito di impedire che la punta della lama, quando viene infilata all'interno del fodero, possa forarlo. La lunghezza totale è di mm 310, la lunghezza lama mm 193,  e il peso senza fodero circa 300 gr. 

Numerose sono state le copie di questo pugnale, realizzate assai bene tanto da trarre in inganno piu' di un collezionista. Cio' ha reso ancora piu' rari e preziosi i pezzi ORIGINALI come questo. Ecco alcuni dei particolari che ne garantiscono l'originalita'e che sono riportati nelle didascalie
:

Foto di fine corso degli ufficiali delle SS ospiti della PAI nel 1941 per seguire il Corso di Polizia Coloniale. Alla cintura portano un "Billao" donato loro come ricordo
La lama e' priva di marchi o numeri di serie mentre nelle copie si trovano spesso numerazioni che vanno da 1001 a 1120 per le truppe indigene.
La lama e' appuntita ed affilata mentre le copie sono prive di affilatura e anche la punta e' inoffensiva.
L'ascaro che possedeva questo pugnale aveva provveduto a renderlo affilato lungo tutto il perimetro della lama.
Il fregio e' coniato in ottone e i particolari sono molto ben definiti. Il fondo e' ricoperto da minuscole semisfere. Ben distinguibili le penne e le piume dell'aquila i cui artigli sono saldamente serrati sul nodo sabaudo.
Le dimensioni del fregio sono mm 25 x 15
Il fodero, di non comune reperibilita', presenta il bottone automatico di grosse dimensioni e rivetti piatti. I due rivetti superiori hanno la cucitura di rinforzo e all'interno del fodero e' presente una lastrina d'acciao lunga circa 5 cm che ha il compito di far scivolare la punta della lama nel fodero senza forarlo. Evidenti i segni dell'eta' e dell'uso.
Particolare piastrina metallica interna Particolare della cucitura in filo di rame