Germania (1919-1945)
I valori stimati, laddove pubblicati, sono quelli risultanti da un'indagine conoscitiva svolta sui prezzi medi spuntati nelle transazioni effettuate sui mercati internazionali negli ultimi sei mesi da oggetti analoghi e non hanno alcun valore commerciale.
Maggiori informazioni sulla reperibilità e disponibilità dei singoli oggetti, nel rispetto delle vigenti leggi in materia, verranno fornite su richiesta.
"HITLERJUGEND FAHRTENMESSER" ( COLTELLO DELLA HITLER JUGEND) ORIGINALE MARCATO "HARTKOPF & CO." CON MOTTO SULLA LAMA
Valore stimato: venduto - cod. nr. 23698
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Esemplare assolutamente originale del "Hitlerjugend Fahrtenmesser"
(coltello della Gioventù Hitleriana) in dotazione alla Hitler Jugend con il motto "Blut und Ehre!" inciso sulla lama.
A conferma della sua originalita' si può notare il "diamante", simbolo della HJ , fissato prima di montare l'impugnatura (e non incollato come nella maggior parte dei falsi in circolazione) e il marchio del fabbricante sulla lama che indica uno dei più prestigiosi nomi di Solingen, "Hartkopf & Co." con il famoso logo di primo tipo con le due teste di diavolo affiancate.  
A completare i marchi presenti sulla lama anche la scritta incisa "Ges. Geschutz" che era l'abbreviazione per "Gesetzlich Geschutz" cioe' una specie di "Protetto Legalmente".


Il coltello, che misura complessivamente 26 cm., e' in ottime condizioni considerando il tempo trascorso dalla sua fabbricazione. La lama ha mantenuto la sua lucentezza e presenta solo alcuni  punti di ossidazione, con il motto ancora ben visibile.
Il fodero ha mantenuto tutta la sua verniciatura nera originale.. La cinghia di sospensione in cuoio e' ancora quella originale e non è stata sostituita come accadeva assai di frequente all'epoca data la poca resistenza di queste cinghiette. 
La fascetta di protezione in cuoio, posta tra il tallone e la guardia, e' ancora presente. Insomma un ottimo esemplare realizzato, sicuramente negli anni 1933 o 1934, quando le lame venivano incise, come in questo caso, con il motto “Blut und Ehre” (Sangue ed Onore) scritto con la calligrafia di Baldur Von Schirach e con il solo logo del fabbricante.


Alla fine della Prima Guerra Mondiale gli industriali di Solingen subirono una grave depressione per la perdita di ordini militari e quindi, nel 1933 accolsero con favore la nascita del Terzo Reich che prometteva di far crescere i loro affari come mai in precedenza. Essi convinsero Hitler che per esaltare le qualita' marziali delle milizie del regime, queste dovessero essere equipaggiate con daghe da parata che naturalmente sarebbero state prodotte nelle loro fabbriche. Verso la fine degli anni '30 tutte le maggiori formazioni paramilitari, politiche o civili, avevano il loro specifico modello di daga da divisa.
La Hitler Jugend fu la prima organizzazione nazista a portare ufficialmente una lama. Durante gli anni '20 erano attivi numerosi gruppi di boy-scouts sotto gli auspici del Comitato Nazionale per la Gioventu' Tedesca e i loro membri portavano abitualmente coltelli da lavoro o viaggio ( Fahrtenmesser ) di fogge diverse.
Nel 1928 Hitler stabili' che tutti i giovani aderenti alla Hitler Jugend dovevano portare un coltello con un simbolo identificativo, senza precisarne le caratteristiche. Cosi', per cinque anni, i fabbricanti di Solingen furono liberi di sbizzarirsi con modelli di loro fantasia. Nel febbraio 1933, Baldur von Schirach, che aveva assunto il comando della gioventu' hitleriana, emano' un decreto che stabiliva le caratteristiche del nuovo coltello che doveva portare inciso sulla lama il motto "Blut und Ehre" a imitazione della sua calligrafia. Questa usanza venne pero' sospesa nell'agosto del 1938 contemporaneamente alla distribuzione delle nuove daghe da "ufficiale".