Italia ( 1872-1913 )
RARISSIMA MEDAGLIA IN ARGENTO PER LA GUARDIA D'ONORE ALLA TOMBA DI VITTORIO EMANUELE II 1880 ( TIPO A )
Prezzo: venduto - cod. nr. 15309
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Click on the images to enlarge them

Rarissima medaglia originle, completa di nastro d'epoca, istituita nel 1880 per i militari veterani delle campagne 1848-49 che fecero la Guardia d'Onore in occasione del seppellimento di Vittorio Emanuele II al Pantheon. Sul fronte l'effigie di Umberto I° in un medaglione appoggiato alla stella d'Italia a cinque punte. Il tutto circondato da una corona di alloro.
Sotto alla testa del Re è presente un monogramma a rilievo, scarsamente leggibile, che potrebbe essere "F.J." ad indicare Federico Johnson, figlio di Stefano al quale subentrò nella direzione della Zecca Johnson proprio nel 1880.
Sul retro la scritta "VETERANI 1848-49" in alto e, dopo una riga di divisione, "GUARDIA D'ONORE ALLA TOMBA DEL RE VITTORIO EMANUELE III", su tre righe.
Il nastro originale d'epoca è verde, azzurro, bianco, azzurro, rosso come da regolamento. La medaglia misura 31 mm di diametro.
Questa medaglia venne realizzata principalmente in argento e coniata da Giovanni Giani. E' quindi una vera rarità questo esemplare realizzato in argento dalla Zecca Johnson.
La medaglia proviene dai cimeli personali del Tenente Colonnello Livio Bragadin, veterano della guerra italo-turca, della prima guerra mondiale e della camoagna d'Etiopia, decorato con quattro medaglie di bronzo.

Durante il regno di Vittorio Emanuele II, primo Re d’Italia, sorgono in tutto il territorio nazionale varie associazioni di veterani delle Guerre di Indipendenza.
Alla morte di Vittorio Emanuele II, avvenuta il 9 gennaio del 1878, tali associazioni, già confluite in un unico sodalizio, denominato “Comizio Generale dei Veterani 1848 – 1870”, decidono, allo scopo di tenere viva la riconoscenza per la Casa di Savoia, di assumere il compito di prestare un servizio di guardia presso la sepoltura del Sovrano, ubicata al Pantheon di Roma. Il nuovo Re, Umberto I, approva tale decisione il 18 gennaio 1878.

Le cronache italiane aprirono il 1884 riportando notizie sulla presentazione a Roma dei progetti per la costruzione del Monumento a Vittorio Emanuele II nonchè quelle relative al trasferimento della salma del Re dall'altare maggiore al nuovo loculo situato sempre al Pantheon. La grande struttura, trasformata nel VII secolo in chiesa, dedicata a Maria e ai martiri, fu infatti destinata ad ospitare, tra l'altro, le tombe dei Re d'Italia. In tale occasione fu organizzata una grande manifestazione popolare che si svolse nei primi giorni del mese di gennaio; il 9 gennaio 1884 confluì quindi a Roma, da tutta la penisola, il Pellegrinaggio Nazionale per visitare la tomba di Vittorio Emanuele II, morto a Roma nel 1878 ed ivi sepolto.
L'avvenimento assunse grande importanza e da tutta Italia giunsero rappresentanze dei reduci delle campagne risorgimentali, autorità civili e militari con i loro gonfaloni e le loro bandiere nonchè semplici cittadini che vollero
portare il loro saluto riconoscente all'ultimo Re di Sardegna ed al primo Re d'Italia. La manifestazione durò quasi tutto il mese e per l'occasione fu necessario potenziare collegamenti e servizi.
Ai partecipanti furono concesse medaglie ricordo coniate appositamente per l'avvenimento ed i veterani inquadrati nelle Guardie d'Onore alle Reali Tombe del Pantheon ebbero l'occasione di fregiarsi della speciale Medaglia
di benemerenza istituita con i decreti del luglio 1879 e del gennaio 1880 da portarsi secondo le speciali disposizioni all'epoca in vigore.
"In seguito a proposta del Ministero dell'interno, con reali decreti in data 14 luglio 1879 e 1° gennaio 1880, ai veterani delle guerre combattute nel 1848 e 1849 per l'indipendenza e l'unità d'Italia, i quali custodiscono
la tomba del Re Vittorio Emanuele II, viene data facoltà di fregiarsi di una speciale medaglia d'argento, nel solo giorno del loro servizio di guardia, ed in tutte le solennità e funzioni alle quali prende parte l'intero
comizio. La medaglia contiene da un lato l'effigie di S.M. Umberto I, entro un disco sovrapposto
alla stella d'Italia, posata su di una corona d'alloro fruttato, e dall'altro la leggenda  "Ai veterani 1848-49 - guardia d'onore alla tomba del Re Vittorio Emanuele II". Si porta alla parte sinistra del petto, appesa ad un nastro azzurro tramezzato da una lista verticale bianca, e bordato di una lista rossa alla parte destra e di una verde alla parte sinistra. Siccome di tale comizio fanno parte ufficiali dell'esercito attivo, della milizia nobile e di riserva, questo Ministero porta quanto sopra a conoscenza delle autorità militari per loro norma. Il Ministro - BONELLI".

( Notizie storiche tratte dal sito "Cronologia" )
 

 
 
-
 11-9-2010