Italia dopo il 1945
RICORDO DEL CORSO "TURBINE III" ALLIEVI PILOTI DELL'ACCADEMIA DI POZZUOLI ANNI 1977-1981 IN VETRO DI MURANO
Prezzo: Euro 200,00 - cod. nr. 23660
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Questa bellissima "scultura" in vetro di Murano è stata realizzata nel 1981 dalla famosa vetreria V.Nason & C, probabilmente su disegno di Ermanno Nason. La famiglia Nason ha esercitato l'arte del vetro a Murano fin dal '300 e le opere di alcuni suoi esponneti come Ermanno o Carlo Nason sono oggi ospitate in molti musei.


E' probabile che l'idea di creare questo oggetto ricordo per gli allievi piloti che avevano terminato il corso "Turbine III" nel 1981, sia venuta proprio dal nome del corso e dalla necessità di dover rappresentare un "turbine" in tutta la sua impalpabilitò. Niente quindi meglio di un'opera realizzata nel vetro soffiato di Murano. L'artista ha, infatti, rappresentato in questo piccolo oggetto alto circa 16 cm., un turbine che nsce dal basso e crescendo si trasforma in un'aquila, simbolo univorsale dei piloti.


La Regia Accademia fu costituita il 5 novembre 1923, otto mesi dopo la costituzione della Regia Aeronautica come Forza Armata indipendente, ed ebbe sede per i primi tre anni presso l'Accademia Navale di Livorno; successivamente l'Istituto fu trasferito a Caserta, nella Reggia borbonica del Vanvitelli dove, dal 1926 al 1943, si formarono gli aviatori che presero parte al secondo conflitto mondiale.
In occasione del primo anno accademico nel 1923, venne ideata una cerimonia di battesimo per il primo corso, durante la quale alla classe venne consegnato un gagliardetto e attribuito un nome. Iniziando in l'ordine alfabetico, venne utilizzata la "A" e il  corso venne contraddistinto con il nome Aquila cui venne fatto corrispondere un motto: Aquila, ad astra audacter!.
Da quel momento, ogni anno al corso arruolato si continuò ad assegnare un nome in ordine alfabetico e un motto.

L'anno successivo venne incorporato il corso Borea con il rispettivo motto "Borea, boream devince", poi il corso Centauro con il motto "Centauro, alla tua corsa la nube è fango e il vano vento è suolo", e così via, procedendo fino alla "Z" con il corso Zodiaco, saltando però la lettera H e la lettera Q per le quali non si trovava un valido riferimento aviatorio.
Nel 1936 il corso che doveva portare il nome con la lettera "R" fu chiamato Rex, in onore del re Vittorio Emanuele III.
Nel 1943 dopo il corso Zodiaco, venne deciso di ricominciare dall'inizio nominando i nuovi corsi con lo stesso nome, ma aggiungendo un numero per simboleggiare la generazione successiva. Il corso di quell'anno venne quindi chiamato Aquila II. Dopo le travagliate vicende della seconda guerra mondiale e la proclamazione della repubblica, si ritenne poco opportuno il richiamo alla monarchia del nome Rex, per cui nel 1957 il corso venne battezzato Rostro, comunque erede delle tradizioni della generazione precedente.

Ogni corso, al momento del cosiddetto Mak P 100 (100 giorni alla fine del ciclo in Accademia) ha sin dall’inizio predisposto, non solo un volume di ricordi degli allievi ma anche un omaggio per igli allievi, le loro famiglie e varie autorità militari e civili.
Dal dopoguerra, mentre è rimasta la tradizione del volume di ricordi e aneddoti, si è passati ad un nuovo genere di omaggi come medaglie, spille e aquile varie.
Questo oggetto è, infatti, il ricordo predisposto dal Corso “Turbine III”, per chi ha frequentato l’Accademia di Pozzuoli dal 1977 al 1981; esso rappresenta appunto l’allegoria del turbine che va a formare le ali di una grande T con la testa di un'aquila,a ricordo appunto del “Turbine”, in questo caso il terzo della serie.
Prodotto in vetro di Murano, è un pezzo di grande valore sia per la produzione di un artista famoso, sia per il limitato numero di pezzi prodotti, destinati ai partecipanti al Corso e a poche Autorità militari e civili presenti alla cerimonia di fine corso..
Per inciso si ricorda che l’ultimo Corso intitolato Turbine è quello entrato in Accademia nel 2015 (Turbine V); per il VI si dovrà attendere il 2034!  

( Notizie storiche tratte dal gruppo Facebook "I Piloti raccontano" )
 
 



25-7-2019