Germania (1919-1945)
"EISERNES KREUZ 2.KLASSE" (CROCE DI FERRO DI 2.CLASSE) CON RARO ATTESTATO FIRMATO DAL GENERAL DER INFANTERIE MATTENKOLOTT E FOTO AUTOGRAFATA
Prezzo: Euro 360,00 - cod. nr. 23962
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
Esemplare originale della piu’ famosa decorazione tedesca: la Croce di Ferro di 2.da classe del 1939, non marcata sull'anello ma con le caratteristiche costruttive che la attribuiscono, senza ombra di dubbio al fabbricante "Rudolf Wachtler & Lange" di Mittweida, con l’attestato originale di conferimento firmato a penna dal General der Infanterie Franz Mattenklott.
La decorazione fu assegnata il 23 gennaio 1942, presso il "K.H.Q" (Quartier Generale ), al Gefreiten (caporale) Hermann Ehlers in forza alla 1.compagnia del Flak Batallion (mot) 22. L'attestato è accompagnato dalla foto originale d'epoca di grandi dimensioni ( 17,5 x 13 cm. ) autografata dalo stessol General der Infanterie Franz Mattenklott.

La Croce di Ferro di 2.da classe del 1939 è ’ costruita in tre pezzi: una lastra sottile di ferro centrale, decorata, sabbiata e quindi ricoperta di una lacca nera ad olio e cotta al forno con un processo chiamato “smaltatura a fuoco” e due bordi esterni di “argento tedesco” (Neusilber) saldati insieme cosi’ da lasciare visibile solo una sottilissima linea di congiunzione che, oggi, ne attesta l'originalita’ insieme con la larghezza della svastica e il numero di linee dorate su ogni bordo affilato.
Altro particolare inconfondibile è il numero "3" della data "1813", arricciato e chiuso da una palla.
La croce è magnetica come si può facilmente constatare avvicinandola ad una calamita.
Tutte caratteristiche che stanno ad indicare il fabbricante "Rudolf Wachtler & Lange" di Mittweida, uno dei più famosi dell'epoca. Inoltre il "frost" cioè quel particolare aspetto "ghiacciato" che veniva dato alle croci di qualità, tanto amato dai collezionisti, è ancora presente al 90%.
E' completa del suo nastro originale d'epoca. La croce misura 44,10 mm di altezza per 44,40 mm di larghezza e pesa 20,80 grammi.

Franz Mattenklott, nato il 19.11.1984 a Grunberg, entrò il 28 dicembre 1903 nell'esercito imperiale come Fahnenjunker (cadetto) del 4. Magdeburgisches Infanterie-Regiment Nr. 67 dove venne promosso sottotenente il 22 aprile 1905. Il 18 giugno 1905 venne promosso capitano.
Durante la prima guerra mondiale ricevette entrambe le classi della croce di ferro. Dopo la guerra rimase nei ranghi del Reichsheer dove venne incaricato della formazione dell'esercito della Repubblica di Weimar composto da 100.000 uomini. Il 1° giugno 1936 assunse il comando dell'Infanterie-Regiment 25 con il grado di colonnello.
Il 1° giugno 1938 venne promosso Generalmajor e posto al comando delle truppe di frontiera di Trier che assunsero il nome Grenz-Division Trier durante la mobilitazione finchè la divisione venne rinominata 72. Infanterie-Division e impegnata sul fronte occidentale al suo comando. Promosso Generalleutnant ricevette la barretta per la sua Croce di Ferro 1914 di 1° classe.
Guidò la sua divisione nella Campagna dei Balcani e quindi nel settore sud della Russia. Promosso General der Infanterie il 1° ottobre 1941, lasciò il comando della divisione per entrare nella Fuehrerreserve. Il 6 novembre venne decorato con la Ritterkreuz e il 1° gennaio 1942 posto al comando del XXXXII. Armeekorps. Tra il 19 agosto 1942 e l'aprile 1943 egli fu anche Befehlshaber der Krim (Comandante in Capo militare della Crimea) ricevendo il 22 settembre 1942 la Deutsches Kreuz in Gold. Tra il 14 e il 24 novembre fu Oberbefehlshaber der Armee-Abteilung Mattenklott cioè comandante di un'unità d'attacco dell'armata che portava il suo nome. Nel marzo del 1944, una larga parte del suo XXXXII. Armeekorps venne annientata nella
sacca di Tscherkassy. Lo stato maggiore si salvò e così pochi giorni dopo venne riformato il XXXXII. z.b.V. Armeekorps e Mattenklott ne riprese il comando. Il 6 aprile 1944 venne citato nel Bollettino Ufficiale della Wehrmacht (Wehrmachtsbericht): "L'unione delle forze delle Waffen-SS al comando del Generaloberst Weiss con quelle dei Generali di Fanteria Hossbach e Mattenklott, dopo giorni di feroci combattimenti nel fango di Pripjet, attaccando su un terreno difficile e inusuale, riuscirono a rompere l'accerchiamento nemico intorno a Kowel e liberare i loro camerati dalla morsa".
Il 14 giugno lasciò il comando dell'XXXXII.Armeekorp per assumere quello provvisorio del VI. Armeekorps a Muenster insieme al comando del Wehrkreis VI (6° Distretto Militare). In questa posizione lo trovò la fine della guerra. E' morto il 28.6.1954 a Braunlage.
 

8-7-2019