Germania (1919-1945)
POSTER ORIGINALE "POPULATIONS ABANDONNÉES, FAITES CONFIANCE AU SOLDAT ALLEMAND!" 1940
Prezzo: Euro 350,00 - cod. nr. 223511
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
La firma dell'autore Theo Matejeko
L'autore in una foto degli anni Trenta

Raro poster di propaganda tedesco realizzato per essere affisso nella Francia occupata, con lo scopo di accattivarsi le simpatie della popolazione locale.
Il poster è stato disegnato da Theo Matejko, un famoso illustratore austriaco divenuto corrispondente di guerra della Wehrmacht durante la seconda guerra mondiale.


Il poster è stato stampato nel 1940, poco dopo l'invasione della Francia, su carta di grammatura media nelle dimensioni di mm. 875 x 1220. Questo esemplare originale è ancora in ottime condizioni di conservazione, con solo alcuni piccoli strappi sui margini che non ne sminuiscono il valore collezionistico e storico.
Il disegno in bianco e nero raffigura un soldato tedesco che tiene in braccio un bambino piccolo che sta mangiando una fetta di dolce ed è circondato da altre due bambinie che lo guardano invidiose.
In alto la prima frase in rosso e nero "POPULATIONS abandonnées" e in basso, a completare l'invito, la frase "faites confiance AU SOLDAT ALLEMAND!" (Popolazioni abbandonate, abbiate fiducia nel soldato tedesco).
Il poster anticipa di qualche hanno quelli con lo stesso soggetto che sarranno stampati in Italia durante il periodo della R.S.I.


Theo Matejeko era nato il 18 giugno 1893 a Vienna. I suoi genitori venivano dalla Boemia ed egli assunse il cognome Matejeko solo nel 1907. A Vienna faceva il disegnatore autodidatta anche se sui documenti indicava la professione di "impiegato".
La sua prima opera conosciuta è un poster realizzato per l'inaugurazione del cinema "Flottenvereins" del 1913. L'attentato di Sarajevo cambiò la sua vita, facendolo diventare un soldato dell'esercito austriaco.
Il direttore della rivista Illustrierten, Otto Sonne, segnalò Matejeko al Direttore dei k.u.k. Kriegsarchivs, General von Hoen che lo invitò al "Kunstgruppe des k.u.k. Kriegspressequartiers" per includerlo tra i disegnatori di guerra.


Nel 1918 Matejeko si sposò e nel 1920 iniziò a collaborare con Marcell Vertes dal quale si divise per anadre a Berlino come disegnatore alla Berlin Illustrirte Zeitung. A Berlino andò a vivere all'Hotel Bristol, un punto d'incontro dell'alta società dell'epoca. In questo periodo incominciò ad interessarsi del mondo automobilistico e delle prime gare diventando in breve famoso come disegnatore ma non disdegnando di parteciparvi anche da pilota. Nel 1925 ebbe un grave incidente ma già nel 1931 partecipò ad una Mille Miglia in Italia. Dopo aver divorziato dalla prima moglie sposò l'attrice cinematografica Erika Fiedler. Nel frattempo Matejko era divenuto un apprezzato e ricercato disegnatore per i poster cinematografici, tanto che il regista Fritz Lang gli affidò il compito di disegnare i manifesti per il suo film "Dr. Mabuse". Nel 1935 andò, per conto dell'editore Ullstein, in America dove disegnò l' "American way of Life" e la storia degli indiani. Al suo ritorno iniziò a lavorare per la rivista militare "Die Wehrmacht" illustrando le manovre militari e le operazioni della Legione Condor in Spagna.
Poco prima della fine della seconda guerra mondiale riusciì a lasciare Berlino, ormai costantemente sotto le bombe alleate, con la moglie e il pilota Hans Stuck, stabilendosi nel 1946 a St. Anton am Alberg in Tirolo dove realizzò alcuni disegni di propaganda politica per il comando francese di occupazione. Seguendo la moglie attrice a Kufstein per alcune riprese, fu colto da un ictus e moriì il 9 settembre 1946.

 
 

24-1-2019