Italia (1919-1939)
DISTINTIVO ORIGINALE "VECCHIA GUARDIA" DA GIACCA INDOSSATO DAGLI ARDITI DI GUERRA DI MILANO
Prezzo: Euro 500,00 - cod. nr. 24962
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Rarissimo distintivo originale indossato sulla giacca dell'abito civile dagli Arditi di Guerra di MIlano, riuniti nella squadra d'azione "Vecchia Guardia".


Il distintivo richiama in modo eccezionale l'iconografia dell'arditismo, rappresentata dallo scudetto portato al braccio dell'uniforme con il gladio dorato su fondo nero. In alto le date 1919 e 1922 ad indicare il periodo delle battaglie sostenute dagli arditi fascisti milanesi contro socialisti e comunisti e ai due lati del gladio le parole "VECCHIA GUARDIA". Misura 20 x 13 mm.


Gli squadristi della "Vecchia Guardia" o "Gruppo Antemarcia" che facevano parte dei Gruppi Rionali Fascisti di Milano, ricevevano da questi delle speciali tessere di iscrizione che riportavano la denominazione "Vecchia Guardia" sul frontespizio e che li distingueva daglia altri iscritti. A maggior ragione tenevano a distinguersi gli arditi di guerra che facevano parte della "Vecchia Guardia" indossando questo distintivo.  
Realizzato in bronzo dorato e smaltato di nero, è stato probabilmente prodotto a metà degli anni trenta, quando gli arditi squadristi di Milano, che avevano combattuto contro il bolscevismo negli anni dal 1919 al 1922, rappresentavano la "Vecchia Guardia" dello squadrismo durante le manifestazioni ufficiali. Sul retro è presente un piedino da occhiello con il marchio del fabbricante "Picchiani & Barlacchi" di Firenze che ha prodotto gran parte dei distintivi analoghi nello stesso periodo.


La storia della Vecchia Guardia milanese è stata raccontata in un bel libro pubblicato nel 1935 dalle Edizioni Ardita di Roma e scritto da Ernesto Daquanno, giornalista, ultimo direttore dell'Agenzia Stefani durante la RSI, fucilato a Dongo insieme a Mussolini dai partigiani. Il volume si apre con la prefazione di Marinetti e prosegue con un vero e proprio diario dei primi anni del fascismo dal 1919 al 1922. Daquanno infatti fu uno dei primi arditi "fascisti futuristi" soprannominato "Vasto Ciclone".

Foto di gruppo degli Arditi di Guerra di Milano scattata negli anni venti 
( tratta dal numero 57 di dicembre 1995 della rivista "Uniformi & Armi" )
 
Google no longer provides new access to Google Translate's Website Translator. We encourage users looking to translate this webpage to use browsers that support translation natively.

29-10-2020