Germania (1919-1945)
"VERWUNDETENABZEICHEN IN SCHWARZ" ( DISTINTIVO PER FERITA NERO ) CON ATTESTATO FIRMATO DAL COMANDANTE DEL "FESTUNGS PIONIER BATAILLON 6" IL 14 APRILE 1945 NEI BALCANI
Prezzo: Euro 160,00 - cod. nr. 20835
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
 
Bellissima coppia di oggetti assolutamente originali e di grande interesse storico-militare. Si tratta di un "Verwundetenabzeichen in Sschwarz" ( Distintivo di Ferita di classe "Nero" ) , del tipo stampato e non marcato in eccezionali condizioni di conservazione con l'attestato di assegnazione all' Obergefreiten Karl Horn in forza alla 3° Compagnia del Festungs Pionier Bataillon 6.
Il documento e' firmato dall'Oberst und Kommandeur del battaglione "O.U."  ( localita' sconosciuta ) Albert Zeissig, il 14 aprile1944 quando il battaglione si trovava probabilmente in Croazia dopo aver lasciato la Grecia dove era di stanza dal 1944. L'Obergefreiten Horn era stato ferito tre giorni prima, l'11 aprile 1945, probabilmente durante la difesa dagli attacchi dei partigiani..

Il Festung-Bau-Bataillon 6 era stato formato il 21 aprile 1942 nel distretto di Lemberg su due compagnie e destinato in Polonia. Il 1 marzo 1943 si era ggiunta una terza compagnia e il 19 agosto 1943 trasformato nel Festungs-Pionier-Bataillon 6. Nel 1944 era stato inviato nei Balcani e successivamente in Grecia per poi spostarsi in Croazia.. 

Dopo aver chiuso l'assegnazione dei "Verwundetenabzeichen fur deutsche Freiwillige im spanische Freiheitskampf" ( i distintivi per ferita destinati alla Legion Condor ) ai combattenti nella Guerra di Spagna, Hitler ristabilì i "Verwundetenabzeichen" , già in uso durante la Prima Guerra Mondiale, il 1 settembre 1939 per premiare coloro che erano stati feriti in combattimento contro il nemico. Il decreto di reintroduzione stabiliva che il distintivo era "...come un marchio di onore per tutti coloro che avevano rischiato la loro vita per la Patria ed erano rimasti feriti o menomati."

Potevano esserne insigniti tutti i membri delle Forze Armate e, dopo il 1943, anche i civili colpiti durante i sempre più numerosi raids alleati sopra le città tedesche. Il distintivo era assegnato in tre gradi diversi: nero, argento e oro. La versione assegnata dipendeva dal numero e dalla serietà delle ferite riportate. Il distintivo in argento veniva assegnato a chi aveva subito tre o quattro ferite.
Tutte le versioni venivano indossate sulla sinistra del petto della divisa più in basso di qualsiasi altra decorazione, se presente. Per ovvie ragioni non era un riconoscimento molto ambito dai singoli individui visto che il meritarselo implicava subire non poca sofferenza. Viceversa era uno di quelli maggiormente ammirati dagli altri proprio per le stesse ragioni.  
 
 
   

 12-7-2015