Germania (1919-1945)
RARISSIMO DISTINTIVO ORIGINALE IN ZAMA DELLA 305.INFANTERIE DIVISION CHE HA COMBATTUTO IN ITALIA DAL 1943 AL 1945 
Prezzo: Euro 300,00 - cod. nr. 24919
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
L'emblema ufficiale della 305.Infanterie Division
Questo rarissimo distintivo fu commissionato dal comando della 305.Infanterie Division alla Ditta Senesi di Milano che ha prodotto numerosi distintivi in zama per le unità della Repubblica Sociale Italiana nell'ultimo periodo della guerra.
E' stato infattio ritrovato nel magzzino della ditta al momento della sua definitiva chiusura, dove era rimsto non completato, mancando dello spillo sul retro.

Il distintivo raffigura l'emblema della 305.Infanterie Division, costituito da un pino che emerge dalle acque di un lago. La divisione, infatti, era stata costituita nel 1940 sul lago di Costanza (Bodensee in tedesco) e con questo soprannome era conosciuta. Sul bordo corre il motto "TREUE UM TREUE" (Lealtà per Lealtà) che era quello dei paracadutisti tedeschi a fianco dei quali la divisione ha combattuto in più occasioni in Italia. 
La 305. Infanterie-Division venne costituita il 15 dicembre 1940 come divisione statica di presidio nel quadro della tredicesima ondata (welle) di mobilitazione; la nuova formazione, organizzata a Ravensburg con soldati reclutati in Svevia nel Wehrkreis V (sede a Stoccarda), inizialmente svolse compiti di controllo della linea di demarcazione con la Francia sul fronte occidentale e venne schierata nella regione dell'estuario della Gironda e di Libourne-Ruffec.
La critica situazione dell'esercito tedesco sul Fronte orientale nell'inverno 1941-42 a causa del fallimento finale dell'operazione Barbarossa e della inattesa controffensiva generale dell'Armata Rossa, costrinse l'alto comando della Wehrmacht a trasferire con urgenza in Russia il maggior numero possibile di unità di riserva; inoltre venne deciso di organizzare nuove divisioni. Nel quadro di questi programmi di emergenza, anche la 305. Infanterie-Divisione nel febbraio-marzo 1942 fu rorganizzata e rafforzata; la divisione venne trasformata in unità offensiva in vista del trasferimento all'est.
A maggio 1942 quindi la 305. Infanterie-Division fu trasportata sul fronte orientale e assegnata alla 6. Armee del Gruppo d'armate Sud che era schierato nell'Ucraina orientale.

Dal 14 ottobre 1942, la 305. Infanterie-Division, guidata dal generale Kurt Oppenländer, entrò in combattimento, a Stalingrado e partecipò ai cruenti combattimenti per la conquista della fabbrica di trattori.
Dopo essere uscita decimata dai sanguinosi e terrificanticombattimenti ravvicinati nell'area urbana della città sul Volga, i resti della 305. Divisione furono, insieme alle altre unità della 6. Armee, furono accerchiati e distrutti nell'inverno 1942-43 dall'Armata Rossa.

Adolf Hitler decise ben presto di ricostituire le divisioni distrutte a Stalingrado e quindi già nel marzo 1943 iniziò il programma di formazione della nuova 305. Infanterie-Division intorno al nucleo di superstiti evacuati dalla sacca e del personale che si era trovato in licenza all'inizio dell'offensiva sovietica. La nuova divisione venne ricostituita in Francia, originariamente in Bretagna, ma in aprile venne trasferita tra Amiens e Boulogne-sur-Mer. A maggio 1943 l'alto comando della Wehrmacht decise di inviare la 305. Infanterie-Division nel sud della Francia, nella regione di Nizza, per sostituire le truppe della 4ª Armata italiana di cui era previsto il rimpatrio.
Dopo la caduta di Mussolini e del Fascismo il 25 luglio 1943, scattò il programma di trasferimento rapido del maggior numero possibile di formazioni nella penisola. Fin dalla notte del 26 luglio, la 305. Infanterie-Division ricevette l'ordine di marciare subito, dal 27 luglio, verso la Liguria. La divisione marciò verso Genova e quindi arrivò nella zona di La Spezia tra il 16 e il 30 agosto.

L'armistizio dell'8 settembre 1943 scatenò l'immediata e violenta reazione tedesca e la 305. Infanterie-Division entrò in azione dal 10 settembre 1943 occupando il porto di La Spezia e sopraffacendo senza difficoltà le divisioni italiane "Rovigo" e "Alpi Graie".
La 305. infanterie-Division quindi venne trasferita a sud di Roma ed entrò a far parte della 10. Armee; la divisione prese posizione nel settore adriatico del fronte difensivo tedesco e nei mesi di novembre e dicembre 1943 fu impegnata in duri combattimenti soprattutto contro reparti del Corpo di Spedizione Francese del generale Alphonse Juin sulle montagne a nord di Venafro.
Durante l'inverno 1943-44 la 305. Infanterie-Division rimase schierata nel settore orientale del fronte tedesco; il generale Hauck, comandante della divisione, prese la direzione delle difese tra il monte Meta e la costa adriatica con la 305. Division, la 334. Infanterie-Division e la 114. Jäger-Division
Dopo il crollo delle difese occidentali, tutto lo schieramento tedesco batté in ritirata verso nord e la 305. Infanterie-Division raggiunse alla fine dell'estate 1944 la Linea Gotica, la nuova posizione difensiva della Wehrmacht in Italia. Nell'ultimo periodo della guerra, la 305. Infanterie-Division continuò a combattere sul fronte italiano, inquadrata nel LI Corpo d'armata da montagna della 10. Armee; nonostante le continue perdite, la divisione, rinforzata da reparti provenienti da altre formazioni, rimase in azione durante l'inverno 1944-45 e a gennaio 1945 era schierata nel settore di Bologna.
La fine del conflitto con la sconfitta della Germania era ormai inevitabile; la 305. infanterie-Division venne compresa nella resa generale delle truppe tedesche nella penisola e cedette le armi alla fine di aprile 1945 nell'area del Po.
 
     

 31-10-2019