Italia R.S.I.
RARISSIMO CAPPELLO ALPINO DA SENIORE DELLA 1° LEGIONE CONFINARIA "MONVISO" DELLA GUARDIA NAZIONALE REPUBBLICANA 1944
Prezzo: venduto - cod. nr. 25212

Bellissimo e rarissimo cappello alpino da Seniore (Maggiore) della 1° Legione Confinaria "Monviso" di Torino, passata alla Guardia nazionale Repubblicana, dopo l'8 settembre 1943.
Subito dopo tale data i militi continuarono ad indossare per alcuni mesi, i capi di abbigliamento della disciolta MVSN Confinaria, con il tipico cappello all'alpina con tanto di penna.


Il cappello, in eccezionali condizioni di conservazione, porta sul fronte il nuovo fregio  delle truppe alpine della R.S.I. adottato nel 1944 .
E' realizzato con tre tipi di canutiglia: oro su panno grigio-verde, occhio dell'aquila in filo nero e lingua in filo rosso. E' presente inoltre il tondino in panno nero con applicato il numero “1” ricamato in oro, che  indicava l'appartenenza alla
1° Legione Confinaria "Monviso" di Torino.


Sul lato sinistro del cappello è applicato il doppio gallone di grado, sovrapposto ai due aeratori e, nella fascia è presente la tasca che ospita la nappina dorata con la penna bianca. Sul lato opposto sono presenti i due aeratori in alluminio verniciato di grigio-verde.
Il soggolo, appoggiato sulla tesa, è costituito da una treccia in seta color oro. L'interno è foderato di leggero cotone nero completato da una fascia parasudore in pelle morbida, pure di colore nero. La taglia è media.


La Milizia confinaria venne costituita ufficialmente nel gennaio 1927 senza che venisse adottato per essa alcun segno particolare distintivo. Infatti il Regolamento 1931 fa riferimento ai "reparti speciali di frontiera" e alle legioni ordinarie che "attestano alla frontiera", soltanto rilevando che portavano il cappello alpino, senza nappina nè penna. Nel 1939 le legioni cosiddette alpine non esistevano più, le legioni di frontiera avevano prodotto i battaglioni da montagna e la Milizia Confinaria era divenuta una forza autonoma, formata dalle seguenti legioni:
1° Legione Monviso - Torino
2° Legione Monte Rosa - Como
3° Legione Vetta d'Italia - Bolzano
4° Legione Monte Nevoso - Trieste
con comando a Torino e scuola di addestramento a Tolmezzo


La Guardia Nazionale Repubblicana di Frontiera, chiamata per semplicità "Confinaria" e articolata in cinque legioni, fu una milizia speciale della Guardia Nazionale Repubblicana, il corpo di polizia militare della Repubblica Sociale Italiana. Fu costituita in seguito alla nascita della RSI, con i reparti provenienti dalla Milizia Confinaria della quale ereditò i compiti: vigilanza dei passi alpini, delle vallate, delle centrali elettriche e delle strade di montagna.
Dopo l'8 settembre 1943, il potente gerarca fascista Renato Ricci nominò il generale Italo Romegialli comandante generale della specialità con l'incarico di riorganizzarla e di riprendere il pieno controllo delle quattro legioni della Milizia Confinaria già esistenti. Il comando fu installato a Torino nel castello di Moncalieri. Come prima iniziativa il generale Romegialli concesse ai "confinari", come era uso chiamarli, di fregiarsi sul cappello da alpino anche della penna d'aquila. Il 3 aprile 1944 Romegialli fu promosso vicecomandante generale della GNR e fu sostituito dal comandante della I Legione Ferdinando De Padova. Nel giugno fu costituita anche la V legione.

 
 

3-2-2021