Italia (1919-1939)
PROTOTIPO DEL FREGIO RICAMATO PER IL CASCO COLONIALE DELLE CAMICIE NERE IN AFRICA ORIENTALE ITALIANA
Prezzo: Euro 200,00 - cod. nr. 24094
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Eccezionale prototipo del fregio ricamato in canutiglia per il casco coloniale di sughero dei Volontaria delle Camicie Nere in Africa Orientale Orientale,  , realizzato dalla famosa Sartoria Balilla di Malnate di sopra ( Varese ) che dal 1944 al 1945 realizzò molti distintivi per le forze della RSI dislocate nella provincia o nelle immediate vicinanze.
Il distintivo è ancora cucito sul foglio campionario della sartoria che porta l'intestazione "SARTORIA BALILLA - Viale della Stazione - Malnate di Varese".


Il fregio è ricamato in canutiglia mezza grossa e mezzafine con rinforzo in stoffa sul retro per renderlo più rigido. Il fregio è stato realizzato su richiesta del PNF di Varese. campionario si avvertiva che era stato preparato e ricamato in unico modello.
Non sappiamo se successivamente ne furono realizzati in serie ma si tratta di un ipotesi poco plausibile. E' molto pèiù probabile che questo campione rappresenti una vera rarità collezionistica essendo l'unico esistente.


La "Sartoria Balilla" realizzò molti fregi, gradi e insegne per le Forze Armate del Regno e continuò a produrli anche durante il periodo della R.S.I, vista la vicinanza con molti dei comandi militari della Repubblica dislocati in Lombardia e Piemonte. Cessò l'attività subito dopo la guerra e il fabbricato che la ospitava rimase chiuso per decenni finchè i proprietari non decisero di venderlo. Durante i sopralluoghi furono ritrovati negli archivi abbandonati, molti campioni di forniture effettuate o proposte dalla ditta, che in breve divennero oggetti del desiderio di molti collezionisti del tempo. Purtroppo, insieme ai campioni originali come questo, vennero ritrovati anche alcuni fogli intestati che sono serviti in seguito per realizzare copie contraffate degli originali.
La circolazione sul mercato di questi falsi ha reso dubbiosi molti collezionisti sull'originalità della produzione della Sartoria Balilla e addirittura sulla sua reale esistenza. Dubbi che possono essere fugati da oggetti come questo, la cui originalità oltre che essere garantita al 100% è visibile anche ad un profano, e dalle testimonianze di chi la ditta ben la conosceva e frequentava all'epoca. I prodotti contraffatti in circolazione sono infatti facilmente riconoscibili per un collezionista esperto.  

     

10-10-2019