Italia (1919-1939)
INVITO PER IL CENTENARIO DEL REGGIMENTO DRAGONI DI PIEMONTE-LANCIERI DI NOVARA 1929
Prezzo: Euro 120,00 - cod. nr. 18014
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Il lotto è composto dall'invito ufficiale per le celebrazioni che si svolsero il 10 maggio del 1929 per il primo centenario della fondazione dei Dragoni di Piemonte - Lancieri di Novara, accompagnato da un opuscolo commemorativo.


L'invito su cartoncino rosa illustra quale sarà il programma del giorno raccomandando agli invitati di indossare la Grande Uniforme.
L'opuscolo stampato in 4 facciate illustra le campagne di guerra dell'unità e riporta i due bollettini del 1917 in cui è citato il reggimento. Sulla prima e quarta di copertina dell'opuscolo sono riprodotte le immagini del Re di Sardegna Carlo Felice e lo stemma del reggimento. L'invito è firmato dal Colonnello Comandante che all'epoca era il Colonnello Remo Virzì.


I «Lancieri di Novara» traggono origine dall'antico reggimento Dragoni di Piemonte nato il 24 dicembre 1828 per volere di Re Carlo Felice. Il 3 gennaio 1832 il reggimento cessa di appartenere alla specialità dragoni per assumere la denominazione di «Reggimento Novara Cavalleria».
Il 20 aprile 1920 viene assunta la denominazione di Reggimento Cavalleggeri di Novara, con l'abbandono delle lance: vengono incorporati il Reggimento «Cavalleggeri di Piacenza» (18°) ed il 1° squadrone dei «Lancieri di Milano» (7°), entrambi disciolti per la riduzione dell'Arma.
Il 3 febbraio 1934 viene assunta la denominazione di Reggimento «Lancieri di Novara» (5°).
E' interesare notare come nell'opuscolo e nell'invito si usi già la denominazione "Lancieri Novara" che verrà ufficialmente assunta solo nel 1934. Evidentemente nell'uso comune del tempo questa era già in uso anticipandone di qualche anno l'ufficialità. Si tratta comunque fi un fatto estremamente curiuso che fa di questi documenti una chicca collezionistica.


I Lancieri di Novara costituiscono il più decorato reparto dell'Arma di Cavalleria Italiana. Il 9 aprile 1848 ha il proprio battesimo del fuoco partecipando all'occupazione del ponte di Monzambano mentre nella Battaglia di Santa Lucia lo stendardo del reggimento guadagna la sua prima Medaglia di bronzo al valor militare ed è il primo reggimento di cavalleria a ricevere una decorazione allo Stendardo per le campagne risorgimentali.
Nel corso della prima guerra mondiale il reggimento viene appiedato e combatte in trincea, durante la ritirata seguita alla Battaglia di Caporetto, insieme al 4º reggimento Genova Cavalleria è protagonista dell'episodio della Battaglia di Pozzuolo del Friuli, estremo tentativo di ritardare l'avanzata austriaca. Personaggio importante legato al reggimento durante il conflitto fu D'Annunzio, che vestendo le insegne dei Bianchi Lancieri portò a termine il Volo su Viennae e, finita la guerra, l'Impresa di Fiume.

 

10-3-2020