Germania fino al 1918
MEDAGLIA E CARTOLINA INGLESE COMMEMORATIVE DELL'EROE PRUSSIANO VON LUTZOV 1813-1913
Prezzo: Euro 90,00 - cod. nr. 24357
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
Adolf Wilhelm von Lutzov in un ritratto d'epoca
Medaglia ovale in metallo argentato realizzata nel 1913 per commemorare i cento anni della battaglia di Kitzen
(vicino a Lipsia), durante la guerra franco-prussiana, nella quale si distinsero particolarmente i volontari del "Freikorps Lutzow" guidati dal Major Adolf Wilhelm von Lutzow.

La medaglia riproduce sul fronte il ritratto di Lutzov in divisa da "fuciliere nero" con in alto il suo grado e nome. Sul retro il monogramma reale di Federico III Re di Prussia e le date "1813-1913".  
La medaglia è accompagnata da una cartolina inglese "Interregnum" che rappresenta la carica della "Cavalleria Nera" di Lutzow contro le truppe napoleoniche.


Adolf Wilhelm von Lutzow era nato il 18 maggio 1782 a Berlino. Si arruolò nell'esercito Prussiano, dove suo padre rivestiva il grado di maggior generale, nel 1795 e 11 anni più tardi prese parte alla disastrosa battaglia di Auerstadt, come tenente. Nel 1808, con il grado di maggiore, si dimise dall'esercito sentendosi umiliato dalle condizioni del trattato di Tilsit.
Nel 1809 combattè a fianco del suo vecchio comandante Schill e, benchè ferito a Dodendorf, riuscì poi a sfuggire alla sorte dei suoi camerati uccisi nella battaglia di Stralsund o passati per le armi su ordine di Napoleone.

Nel 1811 venne reintegrato nei ranghi dell'esercito prussiano con il grado di Major e allo scoppio della "Guerra di Liberazione" contro Napoleone, Lutzow ottenne l'autorizzazione del Generale Scharnhorst, capo di Stato Maggiore dell'esercito prussiano, per costituire un Freikorps costituito da fanti, cavalleggeri e tiratori tirolesi, con i quali impegnare ai fianchi le forze francesi in operazioni di guerriglia. Dal colore delle loro uniformi i suoi uomini vennero chiamati "Truppe Nere" o "Fucilieri Neri". Il loro valore è stato immortalato nel poema di Theodor Korner "Lützows wilde, verwegene Jagd" (L'audace caccia del selvaggio Lutzov).
Questo corpo ebbe un ruolo importante nella camoagna del 1813. A Kitzen, vicino a Lipsia, avvertito troppo tardi dell'armistizio di Poischwitz, Lutzow e i suoi uomini furono sorpresi entro i confini francesi e, essendo una forza combattente, annientati. Lutzow, ferito, con pochi superstiti riuscì a sfuggire alla cattura e subito dopo iniziò a riorganizzare il Corpo e a reclutare nuovi soldati. Nella seconda parte dell'anno Lutzow servì in modo assai più regolare l'esercito prussiano, distinguendosi a Gadebusch e Goehrde (dove venne nuovamente ferito mentre galoppava in testa alla cavalleria). Inviato a combattere contro la Danimarca e poi coinvolto nell'assedio di Julich, Lutzow cadde nelle mani dei francesi nel 1814, riuscendo però a fuggire proprio nel giorno della battaglia di Waterloo. Promosso colonnello in quell'anno, le sue successive promozioni furono a Major-General nel 1822 e Lieutenant-General nel 1830. E' morto il 6 dicembre 1834.
 

4-2-2020