Italia (1940-1945)
RARISSIMA MEDAGLIA IN BRONZO INCISA DA AFFER PER COMMEMORARE LA VISITA DELLA COMMISSIONE TEDESCA ALL'ANSALDO NEL 1940 CON SCATOLA ORIGINALE
Prezzo: venduto - cod. nr. 24149
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Questa bellissima e altrettanto rara medaglia in bronzo non portativa è stata commissionata alla Ditta "F.M. Lorioli Fratelli" di Milano dalla Società Ansaldo di Genova, per commemorare la visita della Commissione Tedesca di Studio alle officine genovesi il 20 luglio 1940.
La medaglia misura 60 mm di diametro e pesa circa 86 grammi. Sul dritto è raffigurata una nave da guerra che solca il mare sormontata da un aquila ad ali spiegate. Nel campo a sinistra il nome dell'incisore AFFER (Costantino Affer).
Al rovescio un fascio stilizzato affiancato ad una svastica, al centro, con intorno la scritta "VISITA DELLA COMMISSIONE TEDESCA DI STUDIO" sul bordo. Sotto la località "GENOVA" e la data "20-7-1940-XVIII".
La medaglia è inserita nella sua scatola originale che porta sul coperchio la scritta "ANSALDO" e all'interno il marchio del fabbricante "F.M. Lorioli F.lli Via Bronzetti 25 Milano".
Nato nel 1906 a Milano, Costantino Affer ha studiato alla Scuola Sociale Umanitaria e successivamente alla Scuola di Brera, alternando lo studio al lavoro. Incisore, scultore, ma soprattutto medaglista, è' stato per molti anni responsabile artistico nello Stabilimento Lorioli Fratelli di Milano. esortendo con una mostra personale nel 1940, ed ha partecipato ad importanti concorsi e manifestazioni in diverse città italiane. Dal 1953 è stato presente a tutte le esposizioni nazionali ed internazionali di medaglie d'arte. La sua produzione medaglistica, assai vasta, spazia dal campo sportivo a quello religioso, dal settore civile a quello militare e industriale, e comprende importanti committenze. Suoi sono i modelli della medaglia ufficiale per i VII Giochi Olimpici Invernali di Cortina d'Ampezzo. Ha eseguito busti e bassorilievi collocati in edifici e campi sportivi del Comune di Milano e grandi e piccole sculture per privati. Sue opere figurano in musei e collezioni private, fra cui il Museo di Oslo, il Museo di Sheffield, il Museo Aeronautico di Mosca. E' morto a Milano nel maggio del 1987.
Dopo il passaggio della proprietà dell'azienda e la nomina ad amminstratore delegato dell'Ing. Rocca dell'Ansaldo, le tradizionali produzioni navalmeccaniche vengono specializzate anche con la con la costruzione, in collaborazione con la Fiat, di grandi motori diesel; si dimezzano i tempi di realizzo di navi militari e civili complete. Nel settore artiglierie, dopo solo tre anni dall’inizio del potenziamento di questa particolare produzione, l’Ansaldo avrà una capacità produttiva di masse oscillanti pari a 843.000 ore di lavoro mensili nel 1941 (media analoga a quella del periodo di grande attività agosto 1914-settembre
1918) e di oltre 1.200.000 ore lavorative mensili nel 1942.
Rilevante è inoltre la produzione di carri armati, in via di consolidamento, di grandi macchine elettriche su progettazione italiana, di carpenteria pregiata, di attrezzature di ogni genere per impianti industriali.
Da qui probabilmente l'interesse dell'industria bellica tedesca per questa azienda concretizzatosi con la visita di una apposita commissione il 20 luglio 1940 .
 

4-11-2019