Italia R.S.I.
RARA VELINA ORIGINALE DEL BATTAGLIONE "RISOLUTI" DELLA X MAS 1944
Prezzo: Euro 200,00 - cod. nr. 16635
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
Questa velina, firmata dal Tenente di Vascello Luigi Carlo Bozzo, Comandante del Distaccamento Marina S.Fruttuoso della Repubblica Sociale Italiana, rappresenta un raro documento originale proveniente da una delle più ricercate unità della X Mas sotto il profilo collezionistico.
Il timbro apposto sotto la firma è infatti quello che ritroviamo utilizzato su altri documenti del Battaglione Risoluti, pubblicati sul volume "I Ragazzi di Capo Bottero" di Andrea Castagnini, dedicato alla storia del Battaglione. Sullo stesso volume troviamo l'elenco degli appartenenti all'unità nel quale è presente il nome di Luigi Carlo Bozzo, indicato erroneamente come Maro'.
Questo distaccamento aveva sede in via Marina di Robilant a San Fruttuoso e da qui partirono, il 13 settembre 1944 per una missione senza ritorno, dei militi di diversi corpi compresi dei marinai del battaglione Risoluti della Decima Flottiglia MAS,. per infiltrarsi nelle linee partigiane e carpire informazioni. Purtroppo vennero tutti catturati e trucidati. questo fatto viene ricordato come "la strage di Vigoponzo" ( frazione di Dernice in provincia di Alessandria ).
All'inizio del 1944 la Marina Repubblicana organizzò una compagnia di marò a Genova, incaricata di proteggere il porto e le altre installazioni militari, guidata dal Capo di 1.Classe Felice Bottero. Questa compagnia, accresciuta numericamente da marinai che avevano perso le loro navi, fu anche incaricata di svolgere azioni contro i partigiani localizzati nelle colline intorno a Genova. Borghese decise di dare il nome di "Risoluti" alla compagnia per evidenziare la sua caratteristica di aggressività. Nel marzo del 1944 Bottero chiese ed ottenne dal Comandante Borghese che la compagnia Risoluti divenisse parte della Decima Mas e assumesse la forza di un battaglione che diventò il Battaglione Risoluti.
L'unità continuò ad operare nell'area di Genova fino all'aprile 1945. Il 20 aprile 1945 il battaglione combatteva in Val Scrivia sotto il controllo della 135. Brigata di Fortezza tedesc "Doehla" del generale Meinhold. Poichè la V° Armata americana si stava avvicinando a genova, Meinhold ordinò a Bottero di muovere e il "Risoluti" e la XXXI° Brigata Nera "Silvio Parodi" per raggiungere Milano. Bottero riuscì in un primo momento ad organizzare il trasferimento a mezzo treno di entrambe le unità, ma uno sciopero dei ferrovieri impedì l'operazione. A questo punto Bottero, con metà delle sue forze e la brigata "Silvio Parodi" si mosse con i propri mezzi verso Milano. Vicino ad Alessandria la colonna venne attaccata dai partigiani ma i marò si difesero con le armi proseguendo a rrivando a Milano il 26 aprile. Gli uomini si acquartierarono nella caserma della X Mas nel centro di Milano, giusto in tempo per asssistere alla resa della X Mas da parte del Comandante Borghese. La parte del Risoluti, che era rimasta a Genova, si arrese alle forze americane della 92nd Infantry Division nella notte tra il 25 e il 26 aprile 1945.  
Come si può vedere, confrontando questo documento pubblicato sul volume "I Ragazzi di Capo Bottero" con la velina qui offerta, il timbro apposto sui due documenti è lo stesso. Da notare che questo secondo porta la data del 16 gennaio 1945 e l'intestazione "Compagnia Risoluti". A ben vedere anche sulla velina sono presenti alcune tracce di un timbro che potrebbe essere quello della Compagnia "Risoluti".
 
     

 2-5-2020