Italia (1919-1939)
DISTINTIVO DA GIACCA PER IL PERSONALE CIVILE DELLO STATO DI GRADO DIRETTIVO 1938-1943
Prezzo: Euro 120,00 - cod. nr. 24767
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Negli anni Trenta in Italia, il regime tende a mettere in uniforme un pò tutti: dai bambini, i Balilla, agli studenti universitari, i G.U.F., tutti devono indossare una uniforme ben codificata da leggi e regolamenti. Da questa sorte non potevano certo sfuggire gli impiegati civili dello Stato.


Secondo la terminologia dell'epoca, gli impiegati delle diverse Amministrazioni dello Stato erano suddivisi in tre gruppi:
Gruppo A al quale accedevano i laureati, coloroche oggi sarebbero indicati come "impoiegati direttivi".
Gruppo B al quale accedevano i diplomati, ora "impiegati di concetto"-
Gruppo C al quale accedevano i diplomati di scuola media e avviamento al lavora, ora "impiegati d'ordine.
Per quanto riguarda i gradi, essi erano così suddivisi: da I a IX per il gruppo A e da VI a XIII per i gruppo B e C.


L'uniforme venne istituita con R.D. n.1524 del 5 settembre 1938, sulla quale venivano apposti i gradi su maniche e spalle della giacca.
Il distintivo di grado degli appartenenti al gruppo A prevedeva la presenza di una greca,
Sull'abito civile veniva indossato all'occhiello un distintivo in ottone smaltato che riproduceva il grado corrispondente a quello dell'unifome.
In questo caso il distintivo, prodotto e marcato sul piedino dal fabbricante S.Johnson di Milano, apparteneva ad un "impiegato direttivo" di gruppo A e V grado. A questa categoria appartenevano, ad esempio, vice prefetti di 1° classe, questori di 1° classe, il segretario generale dello Stato, direttori amministrativi di 1° classe, ispettori generali dei ministeri, ecc....
Questo esemplare , incodizioni perfette di conservazione, è appartento quindi ad un funzionario dello Statodi alto grado, tra quelli elencati. (Notizie storico collezionistiche tratte dall'articolo di Segio Cocca apparso sui numeri 26 e 28 della rivista "Uniformi & Armi" del marzo 1993)
 

 

 5-9-2020