Italia (1919-1939)
ANELLO D'EPOCA IN METALLO ARGENTATO CONTRO LE SANZIONI CON FASCIO LITTORIO E ANNO XIV
Prezzo: Euro 220,00 - cod. nr. 24353
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Questo raro anello in metallo leggero argentato è stato realizzato nel 1935 per ricordare le "Sanzioni" imposta il 18.5.1935 all'Italia dall Società delle Nazioni.
Furono molti gli oggetti prodotti con questo scopo (cartoline, medaglie, distintivi, ecc...) e anche anelli di altra foggia e formato, ma questo particolare modello è tra i pochi che presentano l'immagine del Fascio Littorio sul fronte, oltre all'indicazione dell'"anno fatale" XIV.


Su di un lato della fascia è inciso un gladio romano stilizzato, mentre sull'altro lato sono incise quattro aquile imperiali. Data l'usura derivante dal suo lungo uso, le aquile non sono ben definite così come, per lo stesso motivo, non è perfettamente leggibile la scritta incisa  nella parte inferiore della lama che sembra essere "OBBEDIRE COMBATTERE".
Tutti questi particolari sembrano indicare una destinazione legata anche all'Africa Orientale Italiana e alla conquista dell'Etiopi.
L'anello ha un diametro interno di circa 18 mm quindi adatto alla mano di un uomo di piccola/media corporatura o con dita fini.


Il 2 ottobre del 1935, con un annuncio radiofonico, Mussolini annuncia l'inizio delle ostilità in territorio africano, dando il via alla guerra d'Etiopia. Dice: “Venti milioni di italiani sono in questo momento raccolti nelle piazze di tutta Italia. È la più gigantesca dimostrazione che la storia del genere umano ricordi”
Nel suo discorso, evidenzia chiaramente come l'Italia e il popolo italiano non abbiano paura delle eventuali sanzioni: «Alle sanzioni economiche opporremo la nostra disciplina, la nostra sobrietà e il nostro spirito di sacrificio». La Società delle Nazioni infatti accusò immediatamente l’Italia di aggressione. Alla condanna, il 18 novembre 1935, fecero seguito le seguenti sanzioni economiche:
- divieto per le nazioni facenti parte della società delle Nazioni di mandare armi e munizioni in Italia;
- divieto di concedere prestiti al governo di Roma; - divieto di importare merci italiane;
- divieto di esportare in Italia merci che potessero essere utili all’industria di guerra.
La guerra sarà relativamente breve e sanguinosa, e si concluderà il 5 maggio del 1936 con l’ingresso vittorioso di Badoglio in Addis Abeba.  
 
 

29-1-2020