Italia (R.S.I.)
CARTOLINA "FRATELLI D'ITALIA" PRODOTTA NEL PERIODO DELLA REPUBBLICA SOVIALE ITALIANA E SPEDITA DA UN MARINAIO NEL 1944
Prezzo: Euro 150,00 - cod. nr. 16828                                                                              
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.
Bellissimo esemplare originale di una delle cartoline prodotte durante il periodo della R.S.I., ricavata da un famoso manifesto dell'epoca realizzato da un autore anonimo e stampato nel febbraio del 1944 per il Nucleo Propaganda della R.S.I.. E' stata spedita da un S.Capo Furiere dislocato presso la caserma "Maridist" di Montecchio Maggiore (Vicenza), il 18.10 1944 con la Posta da Campo 873.
Maridist era un'area di transito per il personale militare che doveva raggiungere la propria destinazione o in attesa di essa. Poichè la Posta da Campo 873 era assegnata a Sottosegretariato della Marina che aveva se a Montecchio Maggiore, è probabile che il mittente l'abbia spedita prima di raggiungere la nuova destinazione.
La cartolina di saluti, infatti, in perfette condizioni di conservazione, era indirizzata ad una ex-insegnante di Valdastico che, giovanissima, si era impiegata presso l'Ufficio Matricola del Comando Generale della Marina Repubblicana dislocato a Montecchio ( Vicenza ). Questa, insieme ad altre dello stesso tenore,  erano state gelosamente conservate come ricordo di quei giorni ed alcune portano sul retro le firme di ufficiali in visita al comando. 

Il Ministero della Cultura Popolare della Repubblica Sociale Italiana (R.S.I.) curava con molta attenzione l'organizzazione della propaganda; in particolare l'organismo centrale italiano preposto a questo importante settore era il Nucleo di Propaganda (N.P.), diretto da Giorgio Almirante, appositamente creato per lo svolgimento e la direzione sul fronte della «guerra psicologica». La riorganizzazione dello stato nella nuova repubblica fascista sul finire del 1943, forniva i canali indispensabili per la diffusione capillare e tempestiva in tutte le città e province della grande mole di materiale eterogeneo di propaganda edito dal Ministero sotto forma di manifesti murali, volantini, opuscoli, cartellini, cartoline, calendari, libri, giornali, ripiegati, numeri unici e persino giochi, mobilitando grafici, illustratori, compositori e addetti stampa.

 
   

 2-4-2019