Italia (1919-1939)
BELLISSIMA E RARA COPPIA DI "DADI FASCISTI" IN CELLULOIDE ANNI TRENTA
Prezzo: venduto - cod. nr. 24604
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Bellissima e veramente rara coppia di "dadi fascisti" in celluloide d'epoca sui quali la faccia con il numero 1 è stata sostiotuita con un fascio littorio stilizzato.
Lanciando i dadi, ogniqualvolta si presenta la combinazione che contiene un uno, al suo posto compare il fascio littorio. Se poi il risultato del lancio sono gli "occhi di serpente", cioè i due uno, allora compare la coppia di fasci.
Un oggetto d'epoca assai difficile da trovare, soprattutto in queste condizioni e con questa patina.
 


Negli Stati Uniti, la Phelan & Collander, un’impresa che fabbricava palle da biliardo, nel 1860 aveva offerto un premio di 10.000 dollari a chi avesse trovato per il suo prodotto un materiale che sostituisse l’avorio. Allo scopo di vincere il premio, John Wesley Hyatt (1837-1920) studiò la nitrocellulosa, scoprendo che per questa sostanza una soluzione di canfora in etanolo rappresentava un solvente perfetto e un plastificante ideale. Nel 1869 brevettò quella che tre anni dopo sarà battezzata "celluloide" e che chimicamente è una soluzione solida di nitrocellulosa e canfora. La celluloide è rimasta famosa fino ai giorni nostri per la sua connessione con l’industria cinematografica – dovuta all’eccellente stabilità dimensionale – ma trovò impiego principalmente nella fabbricazione di una moltitudine di oggetti di uso comune e di giocattoli.


In Italia fu Pompeo Mazzucchelli (1856-1946) ad avviare la produzione di celluloide, che in questo caso si presenta proprio come un nuovo materiale artificiale, sostitutivo di un prodotto naturale. Mazzucchelli, infatti, apparteneva a una famiglia imprenditoriale impegnata nella fabbricazione di oggetti in corno bovino. Nel 1906 Mazzucchelli impiantò a Castiglione Olona uno stabilimento per la produzione di celluloide e, nella stessa località, nel 1924 il figlio Silvio inaugurò una grande e moderna fabbrica di articoli di celluloide che, fin dal 1925, poté utilizzare canfora di sintesi prodotta a Spinetta Marengo.

 

 

 1762-2020