Germania (1919-1945)
FOTO ORIGINALE DELLA VISITA DEL GAULEITER KOCH E DEL MINISTRO FUNK AL PADIGLIONE ITALIANO DELLA "OSTMESSE" DI KOENIGSBERG NEL 1937  
Prezzo: Euro 200,00 - cod. nr. 23458
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

L'ingresso della "Ostmesse" a Koenigsberg
La Repubblica di Weimar nel 1937 con la Prussia Orientale separata dal corridoio polacco di Danzica
Erich Koch, Gauleiter della Prussia Orientale nel 1937
Walter Funk,Ministro degli Affari Economici del Terzo Reich
Rara foto originale di grandi dimensioni (23 x 18 cm.) con cornice d'epoca, scattata il 18 agosto 1937 durante la visita del Gauleiter Erich Koch e del Ministro degli Affari Economici del Terzo Reich, al padiglione italiano della "Ostmesse" di Koenigsberg.
I due personaggi sono accompagnati dal console Hans Jonas, leggermente defilato, direttore della Fiera e da un funzionario italiano in uniforme del P.N.F. con orbace e fez, che era incaricato di fare gli onori di casa e che, probabilmente, ha scritto di suo pugno l'appunto sul retro.

La foto è una dimostrazione evidente di quale fosse la graduatoria del potere nella Germania di allora: il personaggio più importante era il Gauleiter, ritratto in primo piano, con vicino il nostro console che gli stava illustrando lo stand, mentre il ministro del Reich seguiva i due in secondo piano. I Gauleiter, infatti, erano i personaggi politici più importanti e temuti del Reich e tenuti in grandissimo rispetto dallo stesso Hitler che, in molti casi, ne subì le pressioni politiche.

La "Ostmesse" (Fiera dell'Est) era un'importante fiera campionaria che si svolgeva ogni anno a Koenigsberg, capoluogo della Prussia orientale e oggi città russa con il nome di Kaliningrad.
La prima edizione della Ostmesse fu inaugurata nel 1920 con lo scopo di aiutare la ripresa economica della Prussia Orientale,dopo la separazione fisica del Libero Stato di Prussia dalla Repubblica di Weimer appena costituitasi dopo la fine della prima guerra mondiale e la sconfitta della Germania imperiale., con l'imposizione da parte dei vincitori della creazione del Corridoio di Danzica.
La prima Ostmesse fu inaugurata dal Presidente Friedrich Ebert il 26 settembre 1920 e si tenne nell'area del vecchio Zoo di Koenigsberg. L'anno successivo si trasferì in un'area apposita di circa 60.000 mq attrezzata con 23000 mq coperti.
Le prime edizioni, che si svolgevano due volte l'anno in febbraio e in agosto, erano prevalentemente dedicate all'agricoltura. Nel 1925 la Ostmesse potè contare su 2500 espositori allargando il suo interesse alla meccanica, alle costruzioni e ad altri settori. Dal 1929 l'esibizione divenne annuale e si tenne solo in agosto con una crescente partecipazione di stati esteri.
La fiera fu diretta dal Dr. Erich Wiegand fino al 1930 al quale succdette il console Hans Jonas.
Nel 1937 si registrarono ben 204.000 visitatori.L'ultima esibizione si effettuò nell'ottobre del 1941 durante la seconda guerra mondiale.


Erich Koch (19 giugno 1896 - 12 novembre 1986) fu un Gauleiter del Partito nazista (NSDAP) nella Prussia orientale dal 1928 al 1945. Tra il 1941 e il 1945 fu capo dell'amministrazione civile (Chef der Zivilverwaltung) di Bezirk Bialystok. Durante questo periodo, fu anche Reichskommissar del Reichskommissariat Ukraine dal 1941 al 1944. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Koch fu processato in Polonia e condannato a morte nel 1959 per crimini di guerra. La condanna fu stata commutata in ergastolo un anno dopo.

Durante le prima guerra mondiale combattè come semplice soldato e dopo la fine si arruolò nel Freikorps Rossbach  combattendo in Slesia settentrionale.

Iscritto al Nsdap dal 1922, era funzionario di medio livello delle ferrovia quando fu licenziato nel 1926 per attività antirepubblicane.
Nel 1927 fu nominato da Hitler Gauleiter della Ruhr. Un anno dopo divenne Gauleiter della Prussia Orientale e nel 1930, membro del Reichstag. Nel 1938 ricevette il grado di
SA-Obergruppenfuehrer.
Koch trasformò la Prussia orientale da regione a prevalenza agricola a regione fortemente industrializzata tanto che il 16 agosto 1933 potè comunicare ad Hitler che nella sua regione non c'era più neanche un disoccupato.
Dopo l'invasione della Polonia ingrandì la sua influenza su tutto il territorio della vecchia Prussia Orientale, dalla Vistola al Narew. Dopo l'invasione della Russia, il 1 settembre 1942 Koch dicvenne Reichskommissar of Reichskommissariat Ukraine, con controllo sulla Gestapo e sulla Polizia. Adesso il suo dominio si estendeva dal Mar Nero al Mar Baltico.
Durante gli anni seguenti ebbe numerosi contrasti con altri gerarchi nazisti coinvolti nella gestione di quei territori occupati ma, alla fine, ebbe sempre partita vinta malgrado le lamentele sul suo operato fossero state comunicate ad Hitler.
Nell'aprile del 1945 tentò la fuga arrivando fino a Flensburg dove inutilmente cercò di imbarcarsi su un U-boot per il sudamerica. Fu arrestato dagli inglesi ad Amburgo nel 1949. Dopo essere stato consegnato ai polacchi, rimase in carcere fino al processo celebrato nbel 1958 in cui fu condannato a morte, condanna commutata all'ergastolo poco dopo.


Walter Funk nacque a Königsberg, l'odierna Kaliningrad, il 18 agosto 1890.  Studiò giurisprudenza, economia e filosofia presso l'Università di Berlino e l'Università di Lipsia. Nella prima guerra mondiale entrò a far parte della fanteria, ma venne dichiarato non idoneo al servizio nel 1916 . Nel 1919 Funk sposò Luise Schmidt-Sieben in un matrimonio chiacchierato data la evidente omosessualità dello sposo . Dopo la guerra lavorò come giornalista e nel 1922 divenne l'editore del giornale finanziario di centrodestra Berliner Börsenzeitung. Funk era un nazionalista ed anti-marxista. Nell'estate del 1931 diede le dimissioni dal giornale ed entrò a far parte del Partito nazista, diventando un uomo vicino a Gregor Strasser, che organizzò il suo primo incontro con Adolf Hitler. Per la sua esperienza in politica economica, venne eletto deputato del Reichstag nel luglio 1932, ed all'interno del partito divenne presidente della commissione per la politica economica nel dicembre 1932. Dopo la salita al potere del Partito Nazista, si dimise da deputato e divenne capo ufficio stampa del Partito.
Nel 1938, assunse l'incarico di plenipotenziario per l'Economia (Wirtschaftsbeauftragter). Diventò ministro dell'Economia, nel febbraio dello stesso anno, in sostituzione di Hjalmar Schacht. Schacht era stato allontanato in seguito a una lotta di potere con Hermann Göring, che voleva un ministro dell'economia più fedele ai suoi piani militari. Nel gennaio 1939 divenne anche governatore della Reichsbank, sempre in sostituzione di Schacht. Venne anche nominato nel consiglio di amministrazione centrale di pianificazione, nel settembre 1943. Funk venne portato davanti alla corte di Norimberga ed accusato di cospirazione contro la pace, pianificazione di guerra di aggressione, crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Durante la sua difesa, ha sostenuto di avere avuto poco potere all'interno del regime. Göring, descrisse Funk come "un insignificante subordinato", ma per le prove documentali e per la sua biografia Funk venne condannato all'ergastolo. Imprigionato nel carcere di Spandau insieme ad altri dirigenti nazisti, venne rilasciato nel 1957 a causa di problemi di salute. Morì tre anni dopo a Düsseldorf.

 
 

 10-1-2018