Italia fino al 1871
BELLISSIMA MEDAGLIA VITTORIO EMANUELE II PER LA SPEDIZIONE IN CRIMEA 1855 CON SCATOLA D'EPOCA DI PRESENTAZIONE
Prezzo: Euro 400,00 - cod. nr. 24470
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Questa bellissima medaglia di presentazione è stata realizzata nel 1855 dall'incisore Heer Hart che l'ha firmata "HART FECIT"sotto il profilo di Vittorio Emanuele II volto a sinistra.
E' completa della sua scatola originale, forse più rara della medaglia stessa, sulla quale è scritto con inchiostro di china il nome del donatore e del destinatario del dono.


La medaglia è stata coniata in metallo bianco con fondi a specchio e parti in rilievo satinate, come d'uso nelle "medaglie di presentazione" che dovevano essere appunto presentate al Re e pertanto dovevano essere particolarmente curate per ostentare ricchezza e ricercatezza, come in questo caso.
Riproduce sul dritto il busto nudo del Re volto a sinistra con, sul bordo, l'iscrizione in rilievo
"VICTOR-EMANUEL II ROI DE SARDEGNE" Sotto il busto la firna dell'incisore "HART-FECIT".
Al rovescio lo stemma Savoia tra due rametti di alloro e quercia, adornato dal Collare della SS.Annunziata. Sul bordo corre la frase "VEDRETE LONTANE TERRE, DOVE LA CROCE DI SAVOIA NON E' IGNOTA". In basso la data "1855" e, ai lati del medaglione del collare, il nome dell'incisore. La medaglia misura 58 mm di diametro e pesa 58,55 grammi.


La medaglia è stata emessa nel 1855, durante il regno di Vittorio Emanuele II (1849-1861) per ricordare  l'intervento in Crimea del Corpo di Spedizione piemontese agli ordini del generale Alfonso La Marmora, salpato da Genova il 25 aprile 1855.
Con il Regio Decreto del 31 marzo si stabilì la composizione del Corpo dopo che da febbraio a marzo erano stati sospesi tutti i congedi,  il diritto alla pensione per anzianità e la concessione di licenze. Furono richiamati quelli in licenza e si aprirono arruolamenti volontari.
Le truppe, escluse quelle dislocate sul litorale della Sardegna, furono concentrate prima a Torino e poi, il 14 aprile, ad Alessandria alla presenza del Re che, parlando alle truppe, rivolse la frase
"
Vedrete lontane torre, dove la croce di Savoia non è ignota". Esattamente la stessa frase riportata sul rovescio della medaglia.  


 25-4-2020