Italia (1919-1939)
COPPIA DI MOSTRINE ORIGINALI DA UFFICIALE DEL CORPO DEGLI AGENTI DI CUSTODIA
Prezzo: Euro 140,00 - cod. nr. 24813
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Bellissima coppia di mostrine per la giubba di un ufficiale del Corpo  degli Agenti di Custodia del periodo dagli anni '40 agli anni '60.


Con la costituzione della direzione generale delle carceri, sotto l’amministrazione del direttore generale Boschi si giunse al primo riordino del personale che sostituiva le precedenti divisioni, intitolate alle Carceri giudiziarie, alle Case penali e ai Bagni penali,
Il 23 luglio 1873 viene emanato il Regolamento del corpo delle guardie carcerarie, che stabilisce le nuove qualifiche di capoguardia, sottocapo e guardia, introduce la denominazione di guardia carceraria in luogo di guardiano e stabilisce i requisiti per l’accesso al corpo, eccone alcuni: sapere leggere, scrivere e far di conto; attestato di buona condotta e di non aver riportato pene criminali e correzionali. A titolo di ingaggio alla guardia veniva offerto un premio di 200 lire per le prime due ferme e il vestiario per l’uniforme


Dopo l’Unità d’Italia, l’aumento della popolazione e l’incremento della criminalità fecero emergere drammaticamente il problema del sovraffollamento delle carceri, strutture fatiscenti e inadeguate per capienza e condizioni igieniche.
Il nuovo Parlamento si trovò di fronte all’urgenza di decidere su questioni essenziali, tra cui la scelta del sistema penitenziario da adottare per la costruzione delle nuove carceri del Regno d’Italia e i problemi connessi alla gestione del personale di custodia delle carceri.
Il 6 luglio 1890, quella il R.D. 7011 adottò per la prima volta la denominazione CORPO DEGLI AGENTI DI CUSTODIA, la stessa che lo ha designato, per quasi un secolo.
E' nel 1937 che il Corpo degli agenti di custodia si dota del suo regolamento ordinamentale, dal punto di vista normativo, più "avanzato".
Con il regolamento a firma di Re Vittorio Emanuele III e il primo Ministro Benito Mussolini, vengono, ad esempio, indicati nuovi requisiti per il "reclutamento" la durata dei "corsi speciali per l'istituzione delle guardie", i criteri generali per le promozioni in carriera e, ad esempio, le modalità di concessione delle autorizzazioni al matrimonio.
Nel dopoguerra con Legge 395/90 venne istituito il Corpo della polizia penitenziaria alle dirette dipendenze del Ministero di grazia e giustizia, Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria. E' un Corpo civile, che ha ordinamento, organizzazione e disciplina rispondenti ai propri compiti istituzionali..

 

 
 
 

19-9-2020