Italia (1940-1943)
MIGNON E DISTINTIVO DA GIACCA DI UNA MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE RICEVUTA IN GRECIA NEL 1941
Prezzo: Euro 240,00 - cod. nr. 23122
In order to translate from Italian, please, choose your preferred language from the Google Translator Menu at the bottom.

Raro lotto di segni distintivi indossati da una Medaglia d'Oro al Valor MIlitare che aveva partecipato alla Campagna di Albania e all'occupazione della Grecia rimanendo gravemente ferito.


Il distintivo in metallo dorato è composto da tre barrette smaltate sovrapposte, fissate separatamente sulla placca di sostegno con due rebbi ciascuna. Sul retro è presente un piedino per l'inserimento nell'occhiello della giacca. Misura 15 x 12 mm.


La barretta in alto presenta una stelletta d'oro appoggiata ad un doppio serto di alloro, ad indicare che chi la indossava aveva meritato la MOVM, il massimo riconoscimento al Valore del Regno d'Italia.
Gli smalti della barretta centrale riproducono i colori del nastro della medaglia per la Campagna di Albania. Infine quella inferiore ospita stilizzato il gallone dorato per le ferite riportate.


La  mignon della medaglia d'oro non è ovviamente incisa la completa eccezionalmente il distintivo che probabilmente accompagnava sul bavero della giacca durante le occasioni più importanti. Misura 18 mm di diametro ed è completa del suo nastro originale d'epoca.


Le notizie da noi raccolte fanno ritenere che il distintivo appartenesse alla MOVM Mario Mencioni che la ricevette il 15 febbraio 1941 come indica la sua motivazione: "MENCIONI Mario di Giuseppe e di Baldi Fosca, da Firenze, sottotenente 7° reggimento alpini. - Comandante di un plotone fucilieri, si lanciava, alla testa dei suoi uomini, all'assalto di importante posizione saldamente tenuta dal nemico. Dopo sanguinoso combattimento e dopo aver inflitto gravi perdite ai difensori, riusciva a raggiungere una quota ravvicinata ed a mantenerla tenacemente ed a lungo col reparto minorato da gravi perdite. Con ardito e violento lancio di bombe a mano, rallentava poi la pressione dell'avversario. Gravemente ferito, continuava ad incitare i dipendenti a persistere nell'azione. Esempio di valore e di elevato sentimento del dovere. - Val Zagorias (fronre greco), 15 febbraio 1941-XIX."

 
 
   

 29-4-2020