Italia (1914-1918)
POSTER "LA CONQUISTA DELLA LIBIA" SUPPLEMENTO DI RADIO RURALE 1938
Prezzo: Euro 200,00 - cod. nr. 21138
Il poster, del formato di 100 x 70 cm., dal titolo "La conquista della Libia" venne distribuito nelle scuole dall' "Ente Radio Rurale" il 1° marzo 1938. Le sue condizioni sono perfette salvo il fatto che si stanno aprendo le pieghe a causa delle molteplici aperture e si renderebbe opportuna una telatura o un rinforzo posteriore.
Il 14 luglio del 1934 la Gazzetta del Regno ufficializzò la nascita
dell ’Ente Radio Rurale che aveva il fine di assicurare alle zone rurali i benefici della radiofonia e si rivolgeva in modo particolare agli alunni delle scuole e agli agricoltori.
Un bando del Ministero delle Comunicazioni del 1933 assegnò a 10 marchi italiani il compito di costruire l’apparecchio Radiorurale. Nel 1938 si aggiunse alla lista la Geloso che costruì un apparecchio Radiorurale alimentato a batterie destinato alle zone prive di rete elettrica.

Il prezzo imposto fu di Lire 600 pagabili a rate con un acconto all’ordinazione di Lire 200 e 10 rate mensili di Lire 40. L’apparecchio Radiorurale non era in vendita al pubblico.
Era possibile ordinarlo con l'apposito modulo da rispedire
all’E.R.R. (Ente Radio Rurale). L’ordine veniva inoltrato ai vari costruttori che spedivano la radio direttamente al richiedente. L’E.R.R. intermediava tra le parti controllando che i tempi di consegna venissero rispettati. Appositi ispettori verificavano che gli apparecchi fossero costruiti e funzionassero correttamente.

Il 10 marzo del 1934 ebbero inizio i programmi radiofonici dell’ERR. Ebbero un grande sviluppo e nel corso del 1936 furono trasmessi 100 programmi complessivi.
Il partito attraverso questo Ente cercava di controllare e reindirizzare ai propri fini il numero maggiore possibile di utenti. Il Duce disse ”Il villaggio deve avere la radio”. Il 4 aprile del 1940 l’Ente Radio Rurale fu sciolto in pieno clima di guerra e le sue funzioni furono assorbite dall’EIAR. (Notizie stiriche tratte dal sito Radiorurale.it)  

 21-6-2020